Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Lo sparo del campione sul traguardo di Superga: Alberto Contador ha vinto da dominatore la Milano-Torino Trofeo Nobili Rubinetterie. Non poteva esserci conclusione migliore per la più antica classica italiana, tornata quest’anno in calendario per volontà dell’Associazione Ciclistica Arona.

Spettacolo alla Milano – Torino, il “pistolero” Contador fa sua la corsa più antica

Lo sparo del campione sul traguardo di Superga: Alberto Contador ha vinto da dominatore la Milano-Torino Trofeo Nobili Rubinetterie. Non poteva esserci conclusione migliore per la più antica classica italiana, tornata quest’anno in calendario per volontà dell’Associazione Ciclistica Arona.

 

Straordinaria la cornice di pubblico che si è affollata sulle rampe che portano alla Basilica di Superga per applaudire i corridori: in occasione del primo passaggio si è esaurita la fuga che ha caratterizzato tutta la prima parte della corsa, portata avanti da Federico Rocchetti della Utensilnord Named e da Alfredo Balloni della Farnese Selle Italia. Al primo scollinamento a Superga, è stato Eros Capecchi a transitare per primo, seguito ad una manciata di secondi da Niemec e poi da un gruppetto comprendente tutti i migliori.

Il finale di gara è stato un susseguirsi entusiasmante di capovolgimenti di fronte: prima Niemec ha raggiunto Capecchi, poi è rimasto vittima di una scivolata, proprio mentre Nibali, Ulissi e compagni rientravano sulla testa della corsa.

La seconda e decisiva salita ha visto prima Ulissi portarsi su Capecchi e poi attaccare da solo, mentre alle sue spalle cominciava la sua splendida azione Alberto Contador. Lo spagnolo ha affiancato prima Ulissi e poi ha firmato una progressione impressionante, andando a cogliere una vittoria entusiasmante. Alle sue spalle, un coriaceo Ulissi ed il kazako Kessiakoff, con Rodriguez quarto e Betancur quinto.

INTERVISTE. «Una vittoria che ho voluto con forza – ha detto Alberto Contador subito dopo aver tagliato il traguardo – e che comunque mi è costata molta fatica. Non è stato facile tornare a correre dopo una Vuelta durissima, ma adesso so di avere ancora energia nelle gambe. Ringrazio ancora una volta i compagni di squadra che hanno fatto un lavoro eccezionale e che mi hanno portato nella miglior posizione possibile: a quel punto sulla salita non potevo sbagliare. Lo dovevo a loro e a tutta la squadra. Una dedica speciale la voglio fare: è per Victor Cabedo, il giovane ciclista della Euskaltel che ha perso la vita la scorsa settimana. Il Lombradia?

Adesso mi riposo, poi sabato vedremo… La corsa? Bellissima, un arrivo davvero prestigioso e tanta, tantissima gente: fantastico». «La Commissione europea ACES è arrivata proprio lunedì a Torino per il sopralluogo agli impianti sportivi cittadini – spiega l’Assessore alo Sport della Città di Torino Stefano Gallo -: lo scopo della visita è quello di valutare la qualità delle strutture per verificare se Torino merita il titolo di “Capitale Europea dello Sport 2015”. L’altra città in lizza è Cracovia, per la cronaca.

E siamo felici di aver potuto offrire alla Commissione lo straordinario spettacolo di folla che solo il ciclismo sa regalare».

«Una grande gioia per noi – spiega il sindaco di Settimo Milanese Massimo Sacchi – aver ospitato la partenza di una gara così importante. L’aver visto tanti campioni schierarsi al via e battersi per il successo conferma ancora di più la nostra convinzione che il ciclismo è uno sport dal grande futuro».

Entusiasta il commendator Alcide Cerato, direttore generale della Milano-Torino: «Ho creduto fortemente nella scommessa fatta da Antonio Bertinotti e dall’Ac Arona: sapevo che questa corsa ha un fascino speciale e ne abbiamo avuta un’ennesima prova oggi, con un podio eccezionale al termine di una corsa fantastica».

Infine, voce ad Antonio Bertinotti, deus ex machina della Ac Arona: «Cosa devo dire, se non che meglio di così non poteva andare? Abbiamo fortemente voluto riportare alla luce questa corsa storica, abbiamo creduto in questo prgetto, sostenuti anche da sponsor che ormai sono dei veri e propri amici, ed abbiamo ottenuti un risultato eccezionale. Vedere così tanta gente sul Colle di Superga in un pomeriggio infrasettimanale è stato uno spettacolo commovente».

MEDIA. La Milano-Torino Trofeo Nobili Rubinetterie sarà trasmessa in differita su RaiSport2 dalle 19 alle 19.50 e in replica alle 0.20.

ORDINE D’ARRIVO

1. Alberto Contador (Saxo Bank – Tinkoff Bank) km 193,5 in 4.32’12”, media 42,652
2. Diego Ulissi (Lampre Isd) a 15”
3. Fredrik Kessiakoff (Astana) a 24”
4. Joaquin Rodriguez (Katusha) a 36”
5. Carlos Alberto Betancur (Acqua&Sapone)
6. Fabio Taborre (AQcqua&Sapone) a 43”
7. Domenico Pozzovico (Colnago Csf) a 45”
8. Chris Anker Sorensen (Saxo Bank – Tinkoff Bank)
9. Vincenzo Nibali (Liquigas Cannondale)
10. Franco Pellizotti (Androni Venezuela) a 53”

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow