Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Sbagliavano i tanti che davano ormai per concluso il 50° Giro della Valle d'Aosta, evidentemente poco avvezzi alla lotta quotidiana che ogni anno si accende sule strade valdostane e savoiarde.

Si riapre il Valle d’Aosta, tappa a Toniatti e 6 corridori in un minuto

Sbagliavano i tanti che davano ormai per concluso il 50° Giro della Valle d’Aosta, evidentemente poco avvezzi alla lotta quotidiana che ogni anno si accende sule strade valdostane e savoiarde.

 

Tappa combattutissima fin dall’inizio, media elevata (quasi 39 km/h), Astana mattatrice, Zalf che con un finale al fulmicotone piazza due corridori nei primi tre e con la vittoria in volata di Toniatti impedisce ad Iturria di essere il primo vincitore spagnolo nella storia della corsa. Il portacolori dell’Euskadi si consola rientrando prepotentemente in classifica, così come il kazako Semyonov.

Al termine della tappa odierna guida ancora Garby – che anche oggi ha perso qualche secondo dai diretti avversari – con 28″ su Villella e 47″ su Semyonov che supera Formolo in terza posizione.

Alla vigilia della penultima tappa sono nove i corridori racchiusi in 1’35”. Le strade solcate abitualmente dal Tour de France, con il Col de La Ramaz, decideranno il vincitore di una delle edizioni più avvincenti della storia del Petit Tour.

 

L’intervista al vincitore

“E’ la vittoria più bella della mia carriera” ha raccontato tra le lacrime Toniatti dopo il traguardo “Voglio ringraziare tutta la squadra per avermi dato fiducia anche oggi. Sapevamo che sarebbe stata una tappa adatta alle fughe e per questo con Giacomo ci abbiamo provato sin dai primi chilometri. Nel finale abbiamo sfruttato la superiorità numerica: Berlato ha provato ad andarsene ai meno tre dal traguardo. Il basco Iturria però non gli ha lasciato spazio e io ho sfruttato la sua scia per lanciare la mia volata”. Per la Zalf si tratta di un gradito ritorno a Chatel dopo che nel 2007 Marco Bandiera aveva lasciato il segno con una eccezionale volata.

 

La tappa di domani : Chatel – Morillon Les Esserts (149 km)

Penultima tappa, e ultima con delle asperità, quella di domani, sabato 13 luglio. Da Chatel a Les Esserts, villaggio alto di Morillon, paese dell’Alta Savoia, per un totale di 149 chilometri: ultime chances per ribaltare la classifica generale, su di un terreno adatto ai colpi di mano e alle fughe da lontano. Il col du Corbier – dopo 22 km – è l’ideale trampolino di lancio per gli uomini in cerca di gloria: dopo – a poca distanza – il col de Terramont, il col d’Ajonc e il col de la Ramaz prima di un finale di oltre 50 km senza troppe asperità e che prevede un doppio passaggio a Morillon prima dei 5 km finali in salita che potrebbero decidere le sorti di questo Giro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow