Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Ai campionati del mondo under 23 gli italiani sono finiti lontano dal podio. Mirko Rossato, team manager della Trevigiani Dynamon Bottoli, traccia un suo personale bilancio delle prove dei suoi azzurri, Mattia Cattaneo ed Enrico Barbin, e della nazionale nel suo complesso.

Rossato contro Amadori:”L’Italia U23 non ha corso compatta !”

Ai campionati del mondo under 23 gli italiani sono finiti lontano dal podio. Mirko Rossato, team manager della Trevigiani Dynamon Bottoli, traccia un suo personale bilancio delle prove dei suoi azzurri, Mattia Cattaneo ed Enrico Barbin, e della nazionale nel suo complesso.

“La prima considerazione da fare è che il circuito di Valkenburg si è rivelato meno selettivo di quanto si pensava – afferma il tecnico padovano -. Sia Barbin, sia Cattaneo amano percorsi più duri. Enrico poi ha forato, ha cambiato la bici e nel finale ha pagato lo sforzo fatto per rientrare. Nel complesso credo che per loro fosse difficile fare di più di quello che hanno fatto.  Quello che mi è saltato all’occhio del mondiale disputato dall’Italia è che in realtà la squadra non era compatta. Mi è sembrato che ognuno pensasse per sé, cercando il risultato personale, e così non si ottiene niente. Fedi è in assoluto quello che mi è piaciuto di più. Non ho capito perché Villella si è messo al suo inseguimento; quanto a Felline, forse doveva cercare una sola azione e fatta bene. Si è corso a più di 40 all’ora, questo significa che il percorso era veloce, adatto a velocisti che tengono negli strappi. Credo che corridori come Ruffoni e Sbaragli ci sarebbero stati bene”.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow