Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Ci sono voluti 50 anni perché un atleta riuscisse a cogliere il terzo alloro nella corsa che apre il calendario italiano del ciclismo professionistico. Filippo Pozzato presentatosi alle gare 2013 con la nuova livrea Blu-Fucsia della Lampre Merida, ha colto il bersaglio grosso davanti a Francesco Reda (Androni Venezuela) e Mauro Santambrogio (Vini Fantini), dimostrando di avere l’obbiettivo già puntato sulle classiche a lui tanto care: Sanremo e Classiche del Nord su tutte.

Pozzato fa tris ed entra nella storia del Trofeo Laigueglia

Ci sono voluti 50 anni perché un atleta riuscisse a cogliere il terzo alloro nella corsa che apre il calendario italiano del ciclismo professionistico. Filippo Pozzato presentatosi alle gare 2013 con la nuova livrea Blu-Fucsia della Lampre Merida, ha colto il bersaglio grosso davanti a Francesco Reda (Androni Venezuela) e Mauro Santambrogio (Vini Fantini), dimostrando di avere l’obbiettivo già puntato sulle classiche a lui tanto care: Sanremo e Classiche del Nord su tutte.

In una Laigueglia pacificamente invasa dai più classici idiomi del movimento ciclistico una ventina di squadre si sono presentate al via per onorare al meglio la cinquantesima edizione della corsa ligure.

Delle venti due squadre partenti i nomi che potevano ambire a scrivere il loro nome nell’albo doro non erano poi tantissimi ma la cosa comunque non toglie valore alla battaglia sportiva condotta e vinta con onore dal vicentino e dai suoi compagni di Team.

Gli ambiziosi però non mancavano. Prova ne è stata la condotta di gara di alcuni Team che hanno corso con il chiaro intento di portare a casa il bersaglio grosso. Nonostante le classiche fughe che animano le gare fin dagli albori del ciclismo, i colori che occupavano le prime posizioni del plotone erano il Giallo Flou della Vini Fantini, il Blu-Fucsia della Lampre-Merida, il Bianco della FDJ e il Bianco della Androni-Venezuela. Una condotta di gara che oltre che controllare i coraggiosi di turno con il passare dei km e l’aumento della velocità produceva la più classica delle selezioni dal fondo, fino agli attimi conclusivi e decisivi. L’attacco di Santambrogio sulla salita di Pinamare ultima asperità di giornata ha dato il là all’azione decisiva. L’attacco nell’ultimo punto buono per evitare la volata ha scatenato l’istinto del Campione di razza che ha fiutato subito che era finita l’attesa ma bisognava buttare cuore e polmoni nella tenzone.

Il rettilineo finale ha premiato così il vicentino che ha saputo mettersi alle spalle non solo gli avversari di turno ma anche l’opaco 2012, costellato anche da infortuni e dalla sospensione per la frequentazione con il discusso Dott. Ferrari.

Alle spalle del portacolori della lampre un Francesco Reda alla Androni-Venezuela dopo il cambio di casacca per la stagione 2013 e al terzo secondo posto consecutivo, dopo due secondi posti nelle ultime due tappe del Mediterraneo e il terzo posto nella generale.

Terza piazza per l’autore dell’azione decisiva Mauro Santambrogio anche lui dopo un piazzamento in Argentina e neo corridore della Vini Fantini by Farnese-Selle Italia.

Una terza piazza così commentata dal suo D.S. il vulcanico ma tecnicamente valido Luca Scinto  “Adesso manca solo la vittoria, oggi obiettivamente Pozzato era il favorito, lo conosco e l’ho visto magro e pronto. Noi abbiamo corso per vincere, Santambrogio non poteva che provarci dove l’ha fatto, a due chilometri e mezzo dall’arrivo e infatti ha portato via il gruppetto che poi si è giocato la corsa. Peccato non fosse con loro Gatto, è mancato lui, ma conto che migliori nei prossimi giorni, gli è mancato davvero poco”. Corsa tirata, con una fuga tenuta sotto controllo proprio dai Vini Fantini Selle Italia e conclusasi con un gruppo di oltre 50 atleti a giocarsi la corsa sul Capo Mele, ultimo strappo di giornata: “La prossima settimana abbiamo Lugano, più adatto alle caratteristiche di Santambrogio, mentre Gatto andrà all’Het Nieuwsblad. Chicchi infine sarà il Malesia: contiamo di fare delle belle prestazioni in tutte le corse. E io voglio vincere”.

Mario Prato

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow