Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Il prodotto ciclismo , non è una novità, sta andando a perdere valore giorno dopo giorno preso in mezzo alla morsa rappresentata dalla concorrenza di altri sport che stanno lavorando molto bene e i continui casi di doping che contribuiscono a demolire quei campioni che per tanto tempo sono stati il traino dell’intero movimento. Dopo il grande colpo rappresentato dal caso Armostrong, ecco in arrivo l’ultimo, purtroppo solo in ordine di tempo, colpo rappresentato dal nome di Mario Cipollini accostato all’Operation Puerto.

Nel “caso” Cipollini tutto il masochismo di un ciclismo allo sbando

Il prodotto ciclismo , non è una novità, sta andando a perdere valore giorno dopo giorno preso in mezzo alla morsa rappresentata dalla concorrenza di altri sport che stanno lavorando molto bene e i continui casi di doping che contribuiscono a demolire quei campioni che per tanto tempo sono stati il traino dell’intero movimento. Dopo il grande colpo rappresentato dal caso Armostrong, ecco in arrivo l’ultimo, purtroppo solo in ordine di tempo, colpo rappresentato dal nome di Mario Cipollini accostato all’Operation Puerto.

 

Oggi, solo un pazzo deciderebbe di investire nel ciclismo, non perché sia più sporco di altri sport, ma perché questa è la percezione che lo sportivo medio (utilizzatore dei marchi pubblicizzati) ha del ciclismo, percezione che troppi media stanno alimentando.

Non siamo mai stati attratti da chi guarda sempre a chi sta peggio, ma vedere l’approccio che i media hanno avuto nei confronti del più grande scandalo mondiale del calcio che ha coinvolto anche partite di Champions League e quello che tradizionalmente gli stessi media hanno nei confronti dei presunti scandali del ciclismo ci lascia perplessi. Da un lato c’è il silenzio, dall’altro lo sputtanamento.

Il possibile coinvolgimento del Milan nell’Operation Puerto si è fermato a qualche trafiletto, prontamente stoppato dalla minaccia di querele della società di Via Turati.

Nel ciclismo funziona diversamente e spesso ad alimentare le polemiche sono proprio colori che di questo ambiente ne fanno parte. Leggere il teorema Cipollini sbattuto in prima pagina sulla Gazzetta dello Sport, che dovrebbe avere tutto l’interesse a difendere il prodotto ciclismo, ci fa capire quanto sia in difficoltà il mondo del ciclismo. Difficoltà che solo un miracolo potrà spazzare via.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow