Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Non si sono fatte attendere le reazioni a quanto pubblicato da noi e da “Il Secolo XIX”, in particolare dal capoluogo ligure ha voluto fare sentire la sua voce proprio il governatore regionale Claudio Burlando che, dopo aver letto dell’intrigo mondiale, al cronista de “Il Secolo XIX” ha commentato: ”A qualche mese dall’assegnazione avevamo capito che l’aria era cambiata. Non nell’Unione Ciclistica Internazionale, ma nella Federazione Ciclistica Italiana e adesso si capisce anche il perché” il governatore ha poi aggiunto anche “La Federazione ci disse che per far tornare i mondiali in Italia bisognava aspettare un anno, ma che nel 2013 non ci sarebbero stati problemi” La ricostruzione di Burlando non si ferma e precisa che l’allora sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, garantì un intervento governativo di partenza pari a 4,5 milioni di euro, ma, conclude Burlando:”Le certezze divennero “se” e “ma” ed ora sappiamo anche il perché”.

Mondiali 2013, il Governatore Burlando:”Ora ci spieghiamo tante cose…”. Di Rocco interviene e coinvolge l’ex ministro

Non si sono fatte attendere le reazioni a quanto pubblicato da noi e da “Il Secolo XIX”, in particolare dal capoluogo ligure ha voluto fare sentire la sua voce proprio il governatore regionale Claudio Burlando che, dopo aver letto dell’intrigo mondiale, al cronista de “Il Secolo XIX” ha commentato: ”A qualche mese dall’assegnazione avevamo capito che l’aria era cambiata. Non nell’Unione Ciclistica Internazionale, ma nella Federazione Ciclistica Italiana e adesso si capisce anche il perché” il governatore ha poi aggiunto anche “La Federazione ci disse che per far tornare i mondiali in Italia bisognava aspettare un anno, ma che nel 2013 non ci sarebbero stati problemi” La ricostruzione di Burlando non si ferma e precisa che l’allora sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, garantì un intervento governativo di partenza pari a 4,5 milioni di euro, ma, conclude Burlando:”Le certezze divennero “se” e “ma” ed ora sappiamo anche il perché”.

Intanto, non si è fatta attendere la reazione di Di Rocco che per giustificarsi ha dichiarato che l’operazione gli è stata richiesta dall’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Oggettivamente, non crediamo che l’ex ministro abbia consigliato queste modalità operative, al massimo avrà invitato la Federazione ad impegnarsi in prima persona per l’organizzazione, ma se così fosse i dubbi non potrebbero che aumentare. Infatti, come avrebbe potuto il Ministero (colui che paga) chiedere al Presidente Federale di diventare amministratore UNICO della “srl” che avrebbe ricevuto i soldi?

Se l’avesse fatto in questi termini le cose sarebbero veramente ancor più gravi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow