Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Siamo stati i primi a parlarne in modo concreto il lontano 22 febbraio, oggi è una certezza: il Giro di Padania si farà. Ad annunciarlo ufficialmente, anche se non ce ne era bisogno perché nell’ambiente la notizia è già nota, è stato il Sottosegretario all’Interno, il Senatore Michelino Davico, che nel corso della presentazione della novantunesima edizione della Tre Valli Varesine. “Non sarà una gara politicizzata come qualcuno teme – ha spiegato Davico – sarà solamente un atto d’amore per questo bellissimo sport e per il nostro territorio”.

Per ora non si sa ancora nulla del percorso che dovrebbe però toccare sei regioni padane: Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Trentino e Veneto. In particolare, dovrebbe partire dalla provincia di Cuneo e concludersi dopo cinque giorni nella provincia di Treviso.

“Quest’anno l’UCI ci ha concesso solamente cinque giorni di gara, ci accontentiamo – ha aggiunto il Senatore Davico – perché ci ricorda, tra l’altro, un evento storico come le cinque giornate di Milano”.

Michelino Davico:”Il Giro di Padania è quasi pronto”. Dal 6 al 10 settembre tanti campioni sbarcano in “Padania”

Siamo stati i primi a parlarne in modo concreto il lontano 22 febbraio, oggi è una certezza: il Giro di Padania si farà. Ad annunciarlo ufficialmente, anche se non ce ne era bisogno perché nell’ambiente la notizia è già nota, è stato il Sottosegretario all’Interno, il Senatore Michelino Davico, che nel corso della presentazione della novantunesima edizione della Tre Valli Varesine. “Non sarà una gara politicizzata come qualcuno teme – ha spiegato Davico – sarà solamente un atto d’amore per questo bellissimo sport e per il nostro territorio”.

Per ora non si sa ancora nulla del percorso che dovrebbe però toccare sei regioni padane: Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Trentino e Veneto. In particolare, dovrebbe partire dalla provincia di Cuneo e concludersi dopo cinque giorni nella provincia di Treviso.

“Quest’anno l’UCI ci ha concesso solamente cinque giorni di gara, ci accontentiamo – ha aggiunto il Senatore Davico – perché ci ricorda, tra l’altro, un evento storico come le cinque giornate di Milano”.

Dovrebbe essere buona anche la partecipazione, in particolare Davico ha già speso i nomi di Ivan Basso e di Stefano Garzelli. “Saremo collocati prima del Mondiale in concomitanza con la Vuelta Espana – ha specificato Davico – credo quindi che, nonostante la concorrenza, il Giro di Padania possa risultare appetibile a tanti campioni che non andranno in Spagna”.

Il Giro di Padania sarà in calendario dal 6 al 10 settembre e l’organizzazione tecnica sarà curata dalla Società Ciclistica Alfredo Binda di patron Renzo Oldani che sarà supportata dal Gs Monviso, società della provincia di Cuneo presieduta dallo stesso Davico.

Anche il Consigliere Regionale della Lombardia, Renzo Bossi, ha commentato la nascita di questa neonata corsa:”L’idea è nata quasi per caso, il ciclismo è uno sport di antiche tradizioni che fa conoscere il territorio meglio di qualunque altra cosa. Mio padre è sempre stato un grande appassionato di ciclismo e quando gli abbiamo proposto questa idea è subito stato felicissimo, ora sta a noi non deludere e promuovere al meglio la nostra terra”.

Nelle prossime settimane, sciolti gli ultimi dubbi, sarà presentato il percorso, ma, con buona pace degli scettici il Giro di Padania si farà e, ne siamo certi, sarà un successo perché i presupposti ci sono veramente tutti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow