Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Con l’inizio della stagione agonistica 2011, riparte una delle graduatorie che nella passata stagione hanno destato maggior curiosità e simpatia: il “Bradipo d’Oro”.

Questa classifica andava a premiare l’atleta più scarso nelle corse italiane, ad imporsi fu Fabrizio Luccoiola, precedendo Raffaele Ferrara e Antonio Quadranti, Leopoldo Rocchetti e Diego Genovesi. Per capire l’importanza di questa simpatica graduatoria, il fatto che quattro dei primi cinque del 2010, nel 2011 non hanno trovato una squadra disposta a farli correre.

Ricapitoliamo le regole. Gara in linea: meno 5 punti ogni abbandono, se tutti i corridori di una squadra abbandonano la corsa, per loro il punteggio è di meno 7 punti. Corse a tappe: - 7 punti in caso di abbandono nelle prime 2 tappe, - 5 punti in caso di abbandono alla terza tappa, - 3 in caso di abbandono nelle tappe successive. Al vincitore della corsa vengono assegnati 25 punti, 20 punti al secondo e al terzo, 15 punti a quarto e quinto, 10 punti dal sesto al decimo, 5 punti fino al ventesimo. I ritirati della squadra del vincitore avranno penalità di soli 2 punti.

Il primo “Bradipo d’Oro” è Giuseppe Muraglia della D’Angelo & Antenucci

Con l’inizio della stagione agonistica 2011, riparte una delle graduatorie che nella passata stagione hanno destato maggior curiosità e simpatia: il “Bradipo d’Oro”.

Questa classifica andava a premiare l’atleta più scarso nelle corse italiane, ad imporsi fu Fabrizio Luccoiola, precedendo Raffaele Ferrara e Antonio Quadranti, Leopoldo Rocchetti e Diego Genovesi. Per capire l’importanza di questa simpatica graduatoria, il fatto che quattro dei primi cinque del 2010, nel 2011 non hanno trovato una squadra disposta a farli correre.

Ricapitoliamo le regole. Gara in linea: meno 5 punti ogni abbandono, se tutti i corridori di una squadra abbandonano la corsa, per loro il punteggio è di meno 7 punti. Corse a tappe: – 7 punti in caso di abbandono nelle prime 2 tappe, – 5 punti in caso di abbandono alla terza tappa, – 3 in caso di abbandono nelle tappe successive. Al vincitore della corsa vengono assegnati 25 punti, 20 punti al secondo e al terzo, 15 punti a quarto e quinto, 10 punti dal sesto al decimo, 5 punti fino al ventesimo. I ritirati della squadra del vincitore avranno penalità di soli 2 punti. Dopo tre corse, Giro di Calabria, Donoratico e Laigueglia, il “Bradipo” è Giuseppe Muraglia della D’Angelo e Antenucci che guida con 3 abbandoni per complessivi 17 punti. Al secondo posto, del tutto parziale, ben quattro portacolori della Ora Hotels: Angeloni, Malaguti, Proch e Lovassy, tutti ritirati sia a Donoratico sia a Laigueglia dove questa formazione non ha portato nessun atleta al traguardo.

Le prossime prove valide per la classifica del “Bradipo d’Oro” saranno Giro di Sardegna, Gran Premio Regio Insubrica e Classica Sarda.

1 Giuseppe MURAGLIA D’ANGELO & ANTENUCCI -17
2 Adriano ANGELONI ORA HOTELS – CARRERA -12
3 Alessansdro MALAGUTI ORA HOTELS – CARRERA -12
4 Walter PROCH ORA HOTELS – CARRERA -12
5 Krisztian LOVASSY ORA HOTELS – CARRERA -12
6 Otavio BULGARELLI FARNESE VINI – NERI SOTTOLI -10

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow