Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Quando Alessandro Brambilla, sul palco del casinò di Campione d’Italia, punzecchiò il senatore Michelino Davico sul colore della sua cravatta (verde con inserti blu), Davico disse testualmente che il verde “per chi, come noi, ha un sogno di libertà, rappresenta qualcosa di molto più grande di un semplice colore”.

Non sappiamo se lo disse per compiacere Renzo Bossi o i tanti leghisti, anche loro presenti in sala, oppure se sia, come crediamo, una sua convinzione reale, fatto sta che quest’anno il “colore di libertà” resterà chiuso in soffitta, infatti, come avevamo anticipato, la maglia di leader del Giro di Padania 2012 non sarà più verde, ma blu.

Il Padania cambia colore alla maglia di leader che non sarà più verde, ma blu.

Quando Alessandro Brambilla, sul palco del casinò di Campione d’Italia, punzecchiò il senatore Michelino Davico sul colore della sua cravatta (verde con inserti blu), Davico disse testualmente che il verde “per chi, come noi, ha un sogno di libertà, rappresenta qualcosa di molto più grande di un semplice colore”.

Non sappiamo se lo disse per compiacere Renzo Bossi o i tanti leghisti, anche loro presenti in sala, oppure se sia, come crediamo, una sua convinzione reale, fatto sta che quest’anno il “colore di libertà” resterà chiuso in soffitta, infatti, come avevamo anticipato, la maglia di leader del Giro di Padania 2012 non sarà più verde, ma blu.

Dopo la cancellazione del colore verde dalla maglia degli scalatori al Giro d’Italia, anche il Giro di Padania ha abolito la maglia verde. Tutto questo nell’ottica di depoliticizzazione della corsa, chiesta proprio dal nuovo leader leghista Roberto Maroni al pari di Miss Padania, ma oggettivamente non crediamo che il colore della maglia di leader possa avere un significato politico, infatti, le contestazioni hanno sempre parlato del termine “Padania”, che ciclisticamente sarà abolito dal 2013, più che sul colore della maglia del leader probabilmente sconosciuta ai contestatori.

Un anno fa, più o meno in questo periodo, parlammo del rischio di non avere alla corsa né il favore dei non leghisti né quello dei leghisti, fortunatamente per gli organizzatori alla corsa c’erano alcuni contestatori e parecchi leghisti che, a dire il vero, sono rimasti un po’ male quando dall’organizzazione gli è stato chiesto, a Vigevano o San Valentino Brentonico, di ammainare i loro vessilli.

Quest’anno i contestatori non dovrebbero più esserci, ma a questo punto il rischio è di non avere neppure i leghisti e trasformare la corsa evento del 2011 in una banalissima corsa ciclistica senza arte né parte e forse neppure gli spettatori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow