Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Raramente ci è capitato di assistere ad una gara dilettantistica e di non riuscire a trovare nulla di irregolare o di mal fatto. Questo è ciò che è avvenuto a San Vendemiano, partiamo dai numeri: 173 corridori partenti in rappresentanza di numerose formazioni di cui ben 9 straniere. L’aspetto numerico è però quello su cui vogliamo concentrarci di meno, vogliamo porre l’accento sull’organizzazione di questa gara: non conosciamo il livello di altre gare under 23 del Veneto, ma rispetto agli standard organizzativi italiani, il Gran Premio Industria e Commercio di San Vendemiano è sicuramente superiore alla media. Innanzitutto, anche se si tratta di una gara “dilettantistica”, è stata rispettata la misura regolamentare della transennatura: 300 metri prima dell’arrivo e 150 metri dopo. A precedere la corsa una carovana composta da cinque Ferrari, un percorso paesaggisticamente stupendo immerso nelle colline del prosecco e la mitica salita a “Ca’ del Poggio”, sulla quale era collocata una seconda postazione microfonica (oltre a quella sull’arrivo) per informare il pubblico presente sulla salita dell’andamento della gara. Sempre il cima alla salita, presso il ristorante Ca’ del Poggio, è stato predisposto il punto ristoro per gli accreditati.

Gp di San Vendemiano: un’organizzazione perfetta e un successo per il Ciclismo

Raramente ci è capitato di assistere ad una gara dilettantistica e di non riuscire a trovare nulla di irregolare o di mal fatto. Questo è ciò che è avvenuto a San Vendemiano, partiamo dai numeri: 173 corridori partenti in rappresentanza di numerose formazioni di cui ben 9 straniere. L’aspetto numerico è però quello su cui vogliamo concentrarci di meno, vogliamo porre l’accento sull’organizzazione di questa gara: non conosciamo il livello di altre gare under 23 del Veneto, ma rispetto agli standard organizzativi italiani, il Gran Premio Industria e Commercio di San Vendemiano è sicuramente superiore alla media. Innanzitutto, anche se si tratta di una gara “dilettantistica”, è stata rispettata la misura regolamentare della transennatura: 300 metri prima dell’arrivo e 150 metri dopo. A precedere la corsa una carovana composta da cinque Ferrari, un percorso paesaggisticamente stupendo immerso nelle colline del prosecco e la mitica salita a “Ca’ del Poggio”, sulla quale era collocata una seconda postazione microfonica (oltre a quella sull’arrivo) per informare il pubblico presente sulla salita dell’andamento della gara. Sempre il cima alla salita, presso il ristorante Ca’ del Poggio, è stato predisposto il punto ristoro per gli accreditati. Il commento Live all’arrivo è stato, come sempre più spesso accade a livello professionistico, a due voci e uno speaker professionista come Alessandro Brambilla ha arricchito ancora di più la splendida gara. L’organizzazione non ha lasciato nulla al caso: borse termiche di egual colore per tutte le vetture tecniche, “manone” gadget per il folto pubblico presente sull’arrivo e protezioni griffate con il logo della società organizzatrice e sponsorizzate dimostrano che nulla è lasciato al caso. Neanche in gare professionistiche ci è capitato di vedere le protezioni con il logo della corsa: un piccolo particolare che denota grande organizzazione e programmazione. Non mancava neppure la linea dei fotografi, spesso assente nelle gare dilettantistiche. Una vera e propria rarità è la presenza degli Chaperones che invece a San Vendemiano erano presenti, previsti dal regolamento, anche in assenza di controllo antidoping.  “Il Regolamento è questo e noi organizzatori dobbiamo adeguarci”. Sono queste le parole che l’organizzatore Renzo Zanchetta ci ha ripetuto più volte davanti al nostro stupore per la perfezione riscontrata. Nel ciclismo capita veramente di rado di incontrare un organizzatore che vede una critica come un’occasione per crescere e migliorarsi. Finalmente troviamo un organizzatore che non si nasconde dietro alla crisi del ciclismo, ma che al contrario dimostra di volere invertire un’insana tendenza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow