Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Lo hanno scritto i giornali varesini, fino a ieri la tappa odierna del Giro Donne sarebbe stata ancora sprovvista dei permessi necessari, secondo le fonti giornalistiche, infatti, questi ritardi non sarebbero da imputare ai tempi eccessivamente lunghi della burocrazia italica, ma solo agli organizzatori del Giro Donne che sarebbero arrivati in clamoroso ritardo, non avendo, alla data di mercoledì, ancora presentato agli uffici competenti la domanda di chiusura strade. La situazione probabilmente si risolverà brillantemente, ma queste mancanze restano e non possono certamente fare entrare gli organizzatori del Giro Donne in quegli organizzatori virtuosi, dal momento che per compiere questi adempimenti burocratici, la Epinike ha avuto a disposizione qualche mese, ma si è ridotta a fare tutto (speriamo) il giorno prima dell’evento.

Giro Donne a Varese, mancano i permessi

Lo hanno scritto i giornali varesini, fino a ieri la tappa odierna del Giro Donne sarebbe stata ancora sprovvista dei permessi necessari, secondo le fonti giornalistiche, infatti, questi ritardi non sarebbero da imputare ai tempi eccessivamente lunghi della burocrazia italica, ma solo agli organizzatori del Giro Donne che sarebbero arrivati in clamoroso ritardo, non avendo, alla data di mercoledì, ancora presentato agli uffici competenti la domanda di chiusura strade. La situazione probabilmente si risolverà brillantemente, ma queste mancanze restano e non possono certamente fare entrare gli organizzatori del Giro Donne in quegli organizzatori virtuosi, dal momento che per compiere questi adempimenti burocratici, la Epinike ha avuto a disposizione qualche mese, ma si è ridotta a fare tutto (speriamo) il giorno prima dell’evento. Alcuni visitatori ci hanno poi segnalato, commentando in modo tutt’altro che positivo, l’arrivo posto in curva nella tappa di Castagnole Lanze. Effettivamente, l’arrivo è infelice anche se la pendenza non lo rende più pericoloso del solito. Se la si vede però dal punto di vista dello spettacolo, questo arrivo è completamente sbagliato, sia dal punto di vista televisivo, sia dal punto di vista fotografico, sia soprattutto dal punto di vista del pubblico che si è trovato nella condizione di non poter vedere l’arrivo o di vedersi sbucare all’ultimo la vincitrice.

Questo arrivo, pur non bellissimo, non è comunque paragonabile a quello di Verona al Giro Donne di qualche anno fa, che, oltre ad essere in curva in un arrivo pianeggiante, una buca sulla strada causò una caduta nel gruppo.

Proprio in questi giorni si starebbe definendo la partnership tra Giro di Padania ed Epinike per l’organizzazione tecnica della corsa verde edizione 2012. Viste le oggettive difficoltà di organizzare un corsa come il Giro di Padania, c’è da sperare che, qualora sia chiamata ad organizzarla, la società di Sara Brambilla sappia essere più tempestiva di quello che è stata per la tappa varesina del Giro Donne, anche perché in quel caso i sindaci ostili non tarderebbero a palesarsi e con tutta probabilità la corsa non potrebbe avere regolare svolgimento.

Speriamo che la Prefettura di Varese sia voluta andare incontro alla poca efficienza del Giro Donne e speriamo che Michelino Davico, prima di affidare la sua delicata corsa ad un organizzatore privo di esperienza tra i professionisti, ci pensi attentamente perché un errore di questo genere potrebbe essere veramente deleterio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow