Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Dobbiamo obbligatoriamente tornare sulla polemica sollevata dall’organizzazione del Giro di Padania successivamente alla pubblicazione di alcune indiscrezioni sul futuro della corsa verde.

Per chiarezza, è doveroso sottolineare che la voce da noi riportata in merito ad una possibile fusione tra Brixia Tour e Giro di Padania da tempo rimbalza nell’ambiente ciclistico, tant’è che patron Beppe Bresciani, quando ci ha contattati telefonicamente dopo la redazione dell’articolo, ha confermato lui stesso di avere da più parti sentito questa “voce”, ma di non avere mai avuto contatti con Michelino Davico (contatto che ci dovrebbe avvenire domani). Ci spiace che dal Giro di Padania non si siano accorti della presenza nel titolo di un vistoso punto interrogativo e del tempo del verbo, il condizionale, con cui è stato scritto l’articolo.

Giro di Padania: qualche doverosa precisazione …

Dobbiamo obbligatoriamente tornare sulla polemica sollevata dall’organizzazione del Giro di Padania successivamente alla pubblicazione di alcune indiscrezioni sul futuro della corsa verde.

Per chiarezza, è doveroso sottolineare che la voce da noi riportata in merito ad una possibile fusione tra Brixia Tour e Giro di Padania da tempo rimbalza nell’ambiente ciclistico, tant’è che patron Beppe Bresciani, quando ci ha contattati telefonicamente dopo la redazione dell’articolo, ha confermato lui stesso di avere da più parti sentito questa “voce”, ma di non avere mai avuto contatti con Michelino Davico (contatto che ci dovrebbe avvenire domani). Ci spiace che dal Giro di Padania non si siano accorti della presenza nel titolo di un vistoso punto interrogativo e del tempo del verbo, il condizionale, con cui è stato scritto l’articolo.

Venendo poi all’aspetto relativo ai conti del Giro di Padania e allo stato di salute della corsa verde, aspetto marginale nel nostro articolo, ma fondamentale nella loro risposta, anche qui ci siamo limitati a raccogliere le tante segnalazioni che periodicamente ci giungono da parte di persone che hanno lavorato alla corsa della Monviso – Venezia. Queste persone prestano abitualmente servizio alle corse ciclistiche e non abbiamo mai sentito da parte loro lamentare pubblicamente crediti nei confronti di altri organizzatori, non è poi compito nostro  indagare sui conti della società cuneese. Ci fa però sorridere che si affermi che l’immagine del Giro di Padania sarebbe stata lesa dal nostro articolo, che ricordiamo parlava di un gemellaggio tra due corse, e non da tutti coloro che quotidianamente raccontano pubblicamente negli ambienti ciclistici i loro crediti nei confronti di questa corsa.

 

Da un lato abbiamo quindi un certo numero di persone che afferma di non avere ricevuto i soldi e dall’altra parte abbiamo l’organizzatore che afferma di aver pagato tutti, tranne la SC Binda per una cifra pari a  poche migliaia di euro. A riguardo specifichiamo di essere stati contattati anche dopo la pubblicazione dell’articolo da persone che ribadiscono la loro posizione. Non spetta a noi stabilire da che parte stia la verità, ma è una situazione decisamente insolita.

 

Ci sfugge però il motivo per cui una serie di persone dovrebbe affermare (tra loro o pubblicamente) di non essere stati pagati rischiando eventuali azioni legali per diffamazione e soprattutto compromettendo il rapporto futuro con il proprio cliente: se uno è stato pagato non dovrebbe avere motivo di mentire affermando il contrario.

Venendo poi alle incertezze da noi descritte sul futuro del Giro di Padania 2012, è doveroso sottolineare che, anche in questo caso, abbiamo solo raccolto tutte le perplessità dell’ambiente ciclistico, che dal giorno dopo la fine del Padania 2011, si interroga sul futuro di questa corsa. Questi dubbi, sono poi aumentati proporzionalmente alle voci sopra descritte, senza che da parte dell’organizzazione siano mai arrivati segnali tangibili della reale prosecuzione dell’attività.

Sicuramente, nei confronti di Michelino Davico e della sua Monviso – Venezia c’è una certa invidia da parte del popolo ciclistico per quello  che, in un solo anno, sono riusciti a mettere in piedi con il Giro di Padania, ma la gente considera ancora una eccezione il fatto che questa corsa venga disputata e non, come solitamente avviene, la normalità che si disputi una corsa già inserita in calendario.

Prendiamo poi atto con piacere dei successi (da noi conosciuti e in più occasioni evidenziati) della Monviso – Venezia elencati nella loro risposta, anche se ci sfugge quale sia la classica storica recuperata dopo tanto tempo. L’unica classica italiana che verrà recuperata nel 2012 è infatti la Milano – Torino che sarà organizzata dalla AC Arona di Antonio Bertinotti.

Insomma, con tutto il rispetto per questo Ufficio Stampa, che in tempi non sospetti definimmo uno dei migliori operanti nel ciclismo, riteniamo che questa risposta non aiuti a dissipare quei dubbi che tante persone ancora hanno, forse più che le parole servirebbero i fatti per zittire i tanti che, anche in queste ultime ore, hanno manifestato tutti le loro perplessità.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow