Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Prendendo in considerazione solamente il team di appartenenza del vincitore odierno la prima cosa che viene in mente sono cime innevate, strade impervie e minuti scalatori dell'America Latina.

A leggere il nome invece non può non venire in mente la carambola di qualche giorno fà. Caduta alla quale era seguita un'autentica gogna mediatica per il velocista bresciano. Perchè proprio di un velocista si tratta. E così il team di Gianni Savio ha trovato il modo di mettere il secondo sigillo nell'edizione 2012 della corsa rosa. Vittoria questa forse arrivata in modo meno consono alle consuetudini del team ma che conferma per l'ennesima volta il feeling che esiste tra il Giro d' Italia e l'Androni Giocattoli. Alle spalle di Roberto Ferrari si sono piazzati Chicchi, Vaitkus, Cavendish e Belletti. Per rimanere alle prome posizioni.

Ferrari batte Cavendish e regala il bis rosa alla Androni – Venezuela

Prendendo in considerazione solamente il team di appartenenza del vincitore odierno la prima cosa che viene in mente sono cime innevate, strade impervie e minuti scalatori dell’America Latina.

A leggere il nome invece non può non venire in mente la carambola di qualche giorno fà. Caduta alla quale era seguita un’autentica gogna mediatica per il velocista bresciano. Perchè proprio di un velocista si tratta. E così il team di Gianni Savio ha trovato il modo di mettere il secondo sigillo nell’edizione 2012 della corsa rosa. Vittoria questa forse arrivata in modo meno consono alle consuetudini del team ma che conferma per l’ennesima volta il feeling che esiste tra il Giro d’ Italia e l’Androni Giocattoli. Alle spalle di Roberto Ferrari si sono piazzati Chicchi, Vaitkus, Cavendish e Belletti. Per rimanere alle prome posizioni. Oggi la tappa più lunga del Giro è vissuta più che altro sulla fuga partita al km 10 e animata da Ponzi, Saez de Arregui, Delage , Kaisen, Boaro e Denifl. La lunga fuga è durata Per buona parte della giornata. A parte Ponzi che ha desistito nelle prime fasi della fuga, gli altri hanno continusto conquistando anche un discreto margine. Con l’avvicinarsi del traguardo però anche l’inseguimento è salito di intensità. Gli ultimi a cedere quando mancava poco più di 10km sono stati nell’ordine Saez de Arregui e Boaro. Le salitelle finali hanno ingolosito i finisseur che hanno provato a sparare le loro cartucce senza fortuna. I tentativi di Selvaggi, Visconti, due volte, Gatto e Tiralongo sono statk vani. La conclusione in volata è stata quindi la più logica anche se con un esito inatteso.

La lotta per la conquista della maglia rosa ha vissuto un giorno di tregua. Per la cronaca bisogna però registrare un altro piccolo ritardo nelle fasi conclusive di Frank Schleck.

Mario Prato

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow