Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

La notizia non è fresca, anzi ha una settimana di vita che nell’ambito del web è praticamente quasi morta. Abbiamo però voluto prenderci tutto il tempo possibile per verificare i fatti e sentire i testimoni oculari perché non si tratta di vicende sportive, ma di fatti di cronaca. Sabato scorso, in occasione della gara di Rovescala, c’è stata infatti una rissa tra Marco Baccin, preparatore atletico squalificato per doping, e il padre di Christian Rossi, corridore anch’esso già squalificato per doping. Secondo il racconto dei testimoni oculari, il padre di Christian Rossi avrebbe urlato a Baccin una serie di insulti con la frase “hai dopato mio figlio”.

Far West a Rovescala, il padre di Cristian Rossi contro il preparatore Baccin:”Hai dopato mio figlio !”

La notizia non è fresca, anzi ha una settimana di vita che nell’ambito del web è praticamente quasi morta. Abbiamo però voluto prenderci tutto il tempo possibile per verificare i fatti e sentire i testimoni oculari perché non si tratta di vicende sportive, ma di fatti di cronaca. Sabato scorso, in occasione della gara di Rovescala, c’è stata infatti una rissa tra Marco Baccin, preparatore atletico squalificato per doping, e il padre di Christian Rossi, corridore anch’esso già squalificato per doping. Secondo il racconto dei testimoni oculari, il padre di Christian Rossi avrebbe urlato a Baccin una serie di insulti con la frase “hai dopato mio figlio”.

Poi, lo stesso Rossi sarebbe salito sulla sua vettura e avrebbe colpito intenzionalmente su cui era Baccin in compagnia della moglie e del piccolo figlio. Dopo questo speronamento volontario, che ha causato alla vettura del preparatore danni notevoli, Baccin sarebbe sceso dal veicolo è avrebbe colpito padre del corridore procurandogli alcune ferite. Fino qui i fatti, su cui concordano praticamente tutti i testimoni oculari, ora qualche considerazione.

La prima riguarda Marco Baccin. Qualcuno afferma che lui, in quanto squalificato, non potrebbe presenziare alle corse. Falso, lui è un cittadino italiano e come tale gode del diritto di calpestare il pubblico suolo. Non può avere incarichi ufficiali, non può salire su un’ammiraglia, ma assolutamente libero di assistere ad una gara negli spazi aperti al pubblico. La seconda riguarda il padre di Christian Rossi. Ogni persona maggiorenne è responsabile delle proprie azioni. Se Tizio dice a Caio di andare a fare una rapina, e Caio ci va c’è sicuramente una complicità tra i due, ma la colpa più grave è di Caio che ha commesso il reato.  Rossi è stato trovato positivo il 26 febbraio del 2012, ma perché prima di questa data non si è recato nella prima caserma dei Carabinieri per denunciare ciò che avveniva e che ora lo indigna ? Sulla vicenda accaduta a Rovescala però non possiamo non condannare anche il gesto di Marco Baccin, sicuramente indotto dall’atteggiamento di Rossi, ma la violenza non può mai essere giustificata.

Questa vicenda avrà probabilmente strascichi nelle aule di tribunale, ma speriamo che i due, qualora si incontrino nuovamente ad una gara ciclistica, vogliano risparmiarci la seconda puntata di questa brutta storia.

 

1 Commento


Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/comments.php on line 21
  1. Che brutto esempio hanno dato alle famiglie e ai rispettivi figli.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow