Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Il Commissariamento del Comitato Regionale Pugliese, a qualche mese dalle assemblee Regionali e Nazionale di fine mandato, mortifica l'intero movimento di una Regione che ha pedalato con entusiasmo ottenendo risultati di gran lunga superiori alla media italiana. Dai dati riportati dalle Istituzioni Federali della FCI emerge che la Puglia ha avuto un 65% di incremento dei tesserati nell'ultimo quadriennio, che è la 3a Regione in Italia per quanto riguarda il progressivo sul fuoristrada. Con questi dati alla mano la Puglia ciclistica si conferma una realtà vera, malgrado tutti i tentativi destabilizzanti di vili soggetti.

Personalmente non conosco le motivazioni di tale Commissariamento e sarebbe opportuno che i reali motivi il popolo ciclistico Pugliese li conoscesse "ufficialmente" dagli organi competenti. Quali sono le reali motivazioni di tale gesto?
Se realmente esistono reali motivazioni, bisogna rendere pubblici i contenuti e le illegittimità soprattutto di natura amministrativa. Ritengo senza ombra di dubbio che nessuno dei dirigenti del Comitato Regionale Pugliese si sia macchiato di una simile infamia, conoscendo da molti anni il Presidente Bianco che mai avrebbe consentito ad alcuno di commettere errori sostanziali sotto il profilo amministrativo e gestionale.

ESCLUSIVO, Sergio Quarta:”Ecco perchè hanno commissariato il Comitato Pugliese”

Il Commissariamento del Comitato Regionale Pugliese, a qualche mese dalle assemblee Regionali e Nazionale di fine mandato, mortifica l’intero movimento di una Regione che ha pedalato con entusiasmo ottenendo risultati di gran lunga superiori alla media italiana. Dai dati riportati dalle Istituzioni Federali della FCI emerge che la Puglia ha avuto un 65% di incremento dei tesserati nell’ultimo quadriennio, che è la 3a Regione in Italia per quanto riguarda il progressivo sul fuoristrada. Con questi dati alla mano la Puglia ciclistica si conferma una realtà vera, malgrado tutti i tentativi destabilizzanti di vili soggetti.

Personalmente non conosco le motivazioni di tale Commissariamento e sarebbe opportuno che i reali motivi il popolo ciclistico Pugliese li conoscesse “ufficialmente” dagli organi competenti. Quali sono le reali motivazioni di tale gesto?
Se realmente esistono reali motivazioni, bisogna rendere pubblici i contenuti e le illegittimità soprattutto di natura amministrativa. Ritengo senza ombra di dubbio che nessuno dei dirigenti del Comitato Regionale Pugliese si sia macchiato di una simile infamia, conoscendo da molti anni il Presidente Bianco che mai avrebbe consentito ad alcuno di commettere errori sostanziali sotto il profilo amministrativo e gestionale. Sicuramente, il Presidente Bianco, con la sua schettezza e le sue idee innovative, esercitate da sempre in quattro lustri di attività, pesa a qualcuno suscitando amari risentimenti. Si è pensato bene, dunque, di sbarazzarsi anzitempo dall’attuale Presidente con modi poco democratici, ma piuttosto affini ad un ex comunismo Bulgaro, per impedire allo stesso Bianco l’ennesima canditatura Regionale, che, nell’ultima assemblea Pugliese svolta a Monopoli ha riscosso un consenso del 95%.

E se è vero, come è vero, che non possono esistere errori sostanziali in bilancio e/o ammanchi, tutte le altre motivazioni, che siano anche cento o mille non avebbrero dovuto indurre il Consiglio Federale a un atto così devastante poiché sarebbe ingiustificato anche a norma di regolamento da parte del Consiglio Federale.

Il tentativo di cancellare tutto il Ciclismo Pugliese con un provvedimento iniquo offende decine e decine di laboriose e pazienti Società Pugliesi che da anni vivono l’incubo del Commissariamento più volte propagandato e diffuso sui campi di gara da poche singole unità che non hanno nulla di etico e di spotivo. Tutto ciò a scapito dei centotrenta sodalizi che da Foggia a Lecce hanno sempre riconosciuto con fiducia nel Presidente Bianco la specifica competenza e la grande passione per il ciclismo, senza trascurare la sua generosità che lo ha spesso indotto a contribire personalmente a livello economico a favore di società e ciclisti di ogni livello e provincia per favorire lo svolgimento della regolare attività sportiva.

Sergio Quarta
Segretario Provinciale Lecce

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow