Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Il Giro d’Italia appena concluso non ha certo brillato dal punto di vista televisivo e proprio quest’anno è in scadenza il contratto che lega Rcs e Rai per la trasmissione in esclusiva delle corse rosa (Sanremo, Tirreno, Giro e Lombardia). E’ assolutamente prevedibile che la Rai punti al ribasso in virtù del calo di ascolti di quest’anno e Rcs al rialzo forte degli enormi potenziali della corsa rosa.

L’emittente di Stato, che ha già perso le Olimpiadi, la Champions League, la Formula Uno e non detiene i diritti di motomondiale e superbike, sembra intenzionata a fare in modo che il grande ciclismo resti sulle reti Rai, ma per fare questo dovrà battere la concorrenza di Sky che proprio nell’ultimo periodo ha manifestato il suo interesse per la corsa rosa.

Diritti Tv del Giro, spunta anche Sky

Il Giro d’Italia appena concluso non ha certo brillato dal punto di vista televisivo e proprio quest’anno è in scadenza il contratto che lega Rcs e Rai per la trasmissione in esclusiva delle corse rosa (Sanremo, Tirreno, Giro e Lombardia). E’ assolutamente prevedibile che la Rai punti al ribasso in virtù del calo di ascolti di quest’anno e Rcs al rialzo forte degli enormi potenziali della corsa rosa.

L’emittente di Stato, che ha già perso le Olimpiadi, la Champions League, la Formula Uno e non detiene i diritti di motomondiale e superbike, sembra intenzionata a fare in modo che il grande ciclismo resti sulle reti Rai, ma per fare questo dovrà battere la concorrenza di Sky che proprio nell’ultimo periodo ha manifestato il suo interesse per la corsa rosa. Al momento le trattative per i diritti del Giro sono in corso e tutto potrebbe veramente accadere, anche di avere il primo Giro d’Italia “pay” della storia. Chiaramente, se l’emittente di Murdoch dovesse aggiudicarsi i diritti del Giro andrebbe ad inserire, come già ha fatto in altri sport, clausole che proteggano il prodotto, ad esempio inibendo la trasmissione on line della gara.

Un parziale ostacolo è rappresentato da una delibera dell’Autority che individua il Giro d’Italia come manifestazione di interesse nazionale che va quindi trasmesso in chiaro (come le Olimpiadi), ma proprio come le Olimpiadi, potrebbe essere trasmesso in chiaro, magari sul canale Cielo, solo parzialmente in modo da aggirare la norma, salvaguardando il prodotto a pagamento.

Restano da capire le intenzioni di Rcs che fino ad oggi ha sempre preferito optare per la massima fruibilità del Giro. Una cosa è però certa: la Rai per aggiudicarsi il Giro dovrà mettere mano al portafoglio e, questo lo aggiungiamo noi, anche alle idee perché il ciclismo ha bisogno soprattutto di novità e di essere raccontato in un modo al passo con i giorni nostri e questo Sky lo sa fare veramente bene.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow