Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Torniamo a parlare dell’Assemblea Federale dello scorso 4 dicembre nella quale gli affiliati sono stati chiamati a votare le modifiche allo statuto. Abbiamo già scritto molto delle presunte irreoglarità che avrebbero condizionato questa votazione e che sono state oggetto dei ricorsi, bocciati lo scorso martedì dalla CAF, di Angelo Francini e Lino Secchi. Il CONI però ha deciso di sospendere l’approvazione dello Statuto.

Facciamo un po’ di chiarezza e cerchiamo di capire come possono essere andate le cose.

CLAMOROSO: Il CONI non ha approvato lo Statuto FCI.

Torniamo a parlare dell’Assemblea Federale dello scorso 4 dicembre nella quale gli affiliati sono stati chiamati a votare le modifiche allo statuto. Abbiamo già scritto molto delle presunte irreoglarità che avrebbero condizionato questa votazione e che sono state oggetto dei ricorsi, bocciati lo scorso martedì dalla CAF, di Angelo Francini e Lino Secchi. Il CONI però ha deciso di sospendere l’approvazione dello Statuto.

Facciamo un po’ di chiarezza e cerchiamo di capire come possono essere andate le cose.

 

Il 17 novembre 2011 si sono chiusi i termini per la presentazione delle proposte di modifica dello Statuto

Il 30 novembre 2011 il Consiglio del CONI ha stabilito la nuova “tutela dell’etica sportiva”

Il 4 dicembre 2011 l’Assemblea Federale ha approvato lo Statuto Federale

Il 20 dicembre 2011 la Giunta del CONI ha emanato la direttiva di inserire tra i principi fondamentali degli statuti

L’11 gennaio 2012 il CONI ha inviato alle Federazione questi nuovi principi

Il 23 gennaio 2012 la Federazione ha inviato al CONI lo Statuto per l’approvazione

Il 2 febbraio 2012 la giunta del CONI ha sospeso l’approvazione

Qualcosa non quadra. La Federazione era fuori tempo per andare incontro alle richieste che il CONI e soprattutto non ha senso bloccare l’approvazione dell’intero Statuto a causa della mancanza, o presunta tale, di una piccola parte.

Come i fatti sembrano dimostrare, questa mancata approvazione potrebbe nascondere altre motivazioni che non sono quelle spiegate dal CONI.

La decisione del CONI potrebbe celare motivazioni politiche, infatti, l’assenza del verbale dell’assemblea, spiegata molto bene da Bernardelli nella sua lettera, renderebbe lo Statuto inapprovabile. Dal momento però che Renato Di Rocco siede nella giunta del CONI ed è in buoni rapporti con gli attuali vertici, questa motivazione sembrerebbe salvarlo parzialmente non addossando a lui e alla gestione assembleare eventuali colpe per la mancata approvazione.

Non sappiamo se questo scenario sia reale, ma sicuramente le mancanze descritte da Bernardelli, da un lato, e l’intenzione di Francini e Secchi di ricorrere all’alta corte del CONI o addirittura al TAR, potrebbero aver influenzato questa decisione.

Attendiamo i nuovi sviluppi e restiamo ovviamente a disposizione di chiunque voglia dire la sua a riguardo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow