Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Spesso abbiamo sentito le lamentele degli automobilisti ogni qualvolta incontravano una gara ciclistica, raramente abbiamo però sentito critiche alla realizzazione di un ciclodromo per presunte ragioni ambientali.

Ciclodromo di Rosta, Marchegiano:”All’egoismo e gli interessi dei singoli preferisco chi è animato da vera passione”

Spesso abbiamo sentito le lamentele degli automobilisti ogni qualvolta incontravano una gara ciclistica, raramente abbiamo però sentito critiche alla realizzazione di un ciclodromo per presunte ragioni ambientali.

 

E’ ciò che sta accadendo in questi giorni a Rosta, comune di circa 5.000 abitanti ad una ventina di chilometri da Torino. Qui, la società ciclistica del paese, la gloriosa Rostese, il Comune e la Regione, hanno deciso di realizzare un ciclodromo, andando a riqualificare un’area in passato occupata da un bosco incolto. Proprio questa decisione ha mandato su tutte le furie Rinaldo Bellato, titolare di un mobilificio a Rosta, il quale ha puntato l’indice contro il disboscamento criticando fortemente, attraverso i giornali locali, la scelta di realizzare il ciclodromo in quell’area.

Sindaco e Rostese hanno già respinto le polemiche al mittente, ma sulla vicenda è voluto intervenire anche il presidente della Federazione Ciclistica piemontese Rocco Marchegiano che, come suo solito, non si è tirato indietro quando si tratta di difendere il ciclismo e chi prova a migliorarlo.

Apprendo con stupore della contrarietà di un singolo soggetto, manifestata in questi giorni a mezzo stampa, verso la costruzione del  ciclodromo a Rosta.

Avendo, nel recente passato, vista la bontà e la lungimiranza del progetto, avallato la costruzione di questa piccola ma importantissima opera, mi preme ribadire il pieno appoggio della Federazione Ciclistica Italiana,  all’operato della Società  Ciclistica Rostese ed esprimere un sentito ringraziamento a tutta l’amministrazione, Sindaco in testa,  del Comune di Rosta, estremamente sensibile alle esigenze di un gruppo, sempre più numeroso, di giovani ciclisti.

Un ciclodromo può essere, ma non è una pista ciclabile aperta. La sua peculiarità è quella di essere uno spazio riservato e costruito in zone lontane da ogni pericolo e certamente, dal traffico urbano.

Anche con l’appoggio del C.R. Piemonte della Federazione Ciclistica Italiana e della Regione Piemonte, a Rosta si è potuto realizzare, caso purtroppo quasi isolato in Piemonte, un progetto per i giovani e per coloro che nel ciclismo dei bambini  credono.

In molti Paesi europei questa è prassi consolidata e l’attenzione verso il mondo delle due ruote è espressa anche con serie di percorsi segnalati: ma è una questione di cultura che, ahinoi,  non ci appartiene.

La F.C.I., in Piemonte,  è sempre garante verso l’Amministrazione pubblica delle richieste di contributi e supporto delle proprie Societá affiliate e questo caso ne è l’esempio.

Personalmente sono convinto che sia ormai scaduto il tempo in cui l’egoismo e gli interessi dei singoli, espressi come in questo caso con una forzatura del sistema, possano continuare a prevaricare coloro che, senza alcun compenso, ma animati dalla sola passione, non necessariamente sportiva,  coinvolgono con iniziative popolari e in modo costruttivo tutta la comunità.

Abbiamo tutti bisogno di queste Persone e, nel caso di Rosta, della locale amministrazione politica, della società Ciclistica Rostese a cui rinnovo il  plauso e l’appoggio  per questa lodevole iniziativa.

Il Presidente F.C.I. – C.R. Piemonte

Rocco Marchegiano

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow