Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Sul web, sui social network e sui forum stanno impazzando le polemiche innescatesi dopo il ricovero di Antonio Cassano. Il pressapochismo e la superficialità con cui si accosta in maniera più o meno diretta questa patologia all’eventuale uso di sostanze dopanti ci inquieta.

“A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca” diceva Giulio Andreotti, probabilmente è vero, aggiungiamo noi, ma si vive male. Approcciarsi al mondo dello sport con il forte sospetto che gli atleti in questione possano fare uso di doping, toglie tutta la poesia che ci può essere in questo fantastico mondo.

Continuiamo a non comprendere l’atteggiamento dei ciclofili davanti all’antidoping che, da un lato, denunciano le eccessive le restrizioni a cui vengono sottoposti i corridori (definendole anche privazioni della libertà), ma dall’altro sogna per tutti gli sport lo stesso trattamento.

Caso Cassano: il ciclismo prenda esempio e dica basta al giustizialismo gratuito.

Sul web, sui social network e sui forum stanno impazzando le polemiche innescatesi dopo il ricovero di Antonio Cassano. Il pressapochismo e la superficialità con cui si accosta in maniera più o meno diretta questa patologia all’eventuale uso di sostanze dopanti ci inquieta.

“A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca” diceva Giulio Andreotti, probabilmente è vero, aggiungiamo noi, ma si vive male. Approcciarsi al mondo dello sport con il forte sospetto che gli atleti in questione possano fare uso di doping, toglie tutta la poesia che ci può essere in questo fantastico mondo.

Continuiamo a non comprendere l’atteggiamento dei ciclofili davanti all’antidoping che, da un lato, denunciano le eccessive le restrizioni a cui vengono sottoposti i corridori (definendole anche privazioni della libertà), ma dall’altro sogna per tutti gli sport lo stesso trattamento. E ‘assolutamente legittimo chiedere regole uguali in tutti gli sport, ma non è così scontato che queste debbano essere quelle stesse “regole”  (usate nel ciclismo) che diversi tribunali europei hanno già giudicato come illegali.

Al di là delle regole troppo spesso masochiste, imposte dal palazzo, ciò che dovrebbe veramente cambiare dovrebbe essere la mentalità del popolo ciclistico. Se si crede infatti di salvare il ciclismo con il giustizialismo e con i sospetti sistematici ci si sbaglia di grosso. Chissà perché nel calcio nessun addetto ai lavori, giornalista o anche tifoso di squadre avversarie ha “pensato male”, mentre nel ciclismo bastano una serie di vittorie (anche due o tre) per fare pensare male, non al tifoso da bar, ma addirittura all’addetto ai lavori. In tutta questa situazione, il male sta nel popolo del ciclismo, non certo nel resto del mondo.

Questo atteggiamento ci ricorda quello delle donne castigate, solitamente brutte e antipatiche, che per questo criticano tutte quelle che, contrariamente a loro,  hanno una vita normale, ergendosi così a paladine della moralità. Crediamo che il popolo ciclistico si comporti esattamente come loro: vorremmo che tutti gli altri avessero lo stesso complesso del doping che abbiamo noi. Ci spiace, ma non possiamo sposare questa visione decisamente “provincialotta” del problema.

Ci si lamenta spesso dell’atteggiamento della giustizia, sia sportiva sia ordinaria, ma come potrebbe non essere così se i primi ad avere sempre sospetti sono proprio coloro che questo ambiente lo vivono ?

Anzichè criticare, si prenda spunto da come il Milan e l’ospedale hanno gestito questa vicenda, nel rispetto delle normative vigenti e del contratto tra Cassano e il Milano.

Se qualcuno ha elementi utili a provare l’utilizzo di doping da parte di Cassano si rivolga alla Procura di Milano, se qualcun altro ha la competenza per smentire ciò che hanno affermato i medici lo faccia, se qualcuno vive di invidie e sospetti  si faccia da parte perché il mondo dello sport, ed in particolare del ciclismo,  farà volentieri a meno del suo inutile contributo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow