Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Anche la Cannondale lascia il suo segno alla Settimana Internazionale di Coppi e Bartali – Trofeo UniCredit: il ragusano Damiano Caruso ha infatti vinto in solitaria, al termine di una lunga fuga di gruppetto e grazie ad un attacco in salita nel finale, l’ultima tappa della gara organizzata dal Gs Emilia di patron Adriano Amici, che visto Diego Ulissi (Lampre-Merida) imporsi nella classifica generale finale (maglia rossa UniCredit) davanti al compagno Damiano Cunego  e al colombiano Miguel Angel Rubiano Chavez (Androni Giocattoli – Venezuela). L’ultima tappa, da Monticelli Terme (Parma) a Fiorano Modenese, è stata accorciata di una ventina di chilometri (due i passaggi sul circuito finale anziché quattro) a causa del maltempo, che ha imperversato con pioggia e freddo per tutto il corso della giornata.

Caruso trionfa a Fiorano, Ulissi fa sua la Settimana di Coppi & Bartali

Anche la Cannondale lascia il suo segno alla Settimana Internazionale di Coppi e Bartali – Trofeo UniCredit: il ragusano Damiano Caruso ha infatti vinto in solitaria, al termine di una lunga fuga di gruppetto e grazie ad un attacco in salita nel finale, l’ultima tappa della gara organizzata dal Gs Emilia di patron Adriano Amici, che visto Diego Ulissi (Lampre-Merida) imporsi nella classifica generale finale (maglia rossa UniCredit) davanti al compagno Damiano Cunego  e al colombiano Miguel Angel Rubiano Chavez (Androni Giocattoli – Venezuela). L’ultima tappa, da Monticelli Terme (Parma) a Fiorano Modenese, è stata accorciata di una ventina di chilometri (due i passaggi sul circuito finale anziché quattro) a causa del maltempo, che ha imperversato con pioggia e freddo per tutto il corso della giornata. Nonostante questo, la frazione è stata animata da una fuga di dieci uomini partita proprio dopo una decina di chilometri, nel circuito iniziale sviluppatosi nel Parmense: Caruso (Cannondale), Ponzi (Astana), Chernetski (Katusha), Coledan (Bardiani Valvole-Csf), Rosa (Androni-Venezuela), C. Quintero (Colombia), Mazzi (Utensilnord Ora24.eu), Pavlin (Adria Mobil), Shilov e Shpilevsky (Lokosphinx) hanno toccato un vantaggio massimo di 4’40”, assestandolo poi attorno ai 3’. Il gruppo ha lasciato spazio e i fuggitivi ne hanno approfittato. Soprattutto Caruso e Mazzi, scattati lungo la prima delle due ascese a Montecchio, nel circuito finale. Mazzi ha fatto definitivamente sua la maglia verde Sidi di miglior scalatore che indossava fin dalla prima tappa, mentre Caruso, ben determinato a vincere la frazione odierna, ha staccato il compagno di fuga negli ultimi metri della seconda ascesa, percorrendo in solitaria la discesa e arrivando al traguardo con 13” di vantaggio su Mazzi. Terza piazza per Boris Shpilevsky, che invano aveva tentato di riagganciare i due. Dal momento che ai fini della classifica generale il tempo di gara è stato neutralizzato dopo l’ingresso dei corridori nel circuito conclusivo, il gruppo ha rinunciato a qualsiasi tipo di schermaglia, così la classifica generale non ha mutato fisionomia.
La maglia bianca Smp della classifica a punti è andata sulle spalle di Damiano Cunego (Lampre Merida), la maglia arancione Felsineo di miglior giovane a Francesco Manuel Bongiorno (Bardiani Valvole – Csf).

ORDINE D’ARRIVO:
1° Damiano Caruso (Cannondale Pro Cycling) 120 km in 3h 0′ 13″ a 41,75 km/h
2° Alessandro Mazzi (Utensilnord Ora24.eu) a 13″
3° Boris Shpilevsky (Lokosphinx) a 1’28”
4° Sergey Shilov (Lokosphinx) a 1’33”
5° Simone Ponzi (Astana) a 1’37”
6° Diego Rosa (Androni Giocattoli-Venezuela) a 1’44”
7° Carlos J. Quintero (Colombia) a 2’29”
8° Sergei Chernetski (Katusha) a 2’32”
9° Marco Coledan (Bardiani Valvole – Csf) a 2’40”
10° Simon Pavlin (Adria Mobil) a 3’11”

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow