Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Sono passate due settimane dalla data dell’assemblea straordinaria e, contritamente a quanto pubblicato sul sito federale e da ciò che normalmente avviene, i verbali non sono ancora stati resi pubblici. Da fonti molto vicine agli ambienti federali ci risulta che ci sarebbero gravi problemi e i legali della Federazione sarebbero impegnati nell’analisi degli elementi e nella valutazione dei possibili correttivi. Non a caso, neppure il vice presidente dell’Assemblea, il lombardo Bernardelli, sarebbe in possesso dei verbali e nessuno, fino ad ora, sarebbe riuscito a fornirgli una tempistica di pubblicazione.

Una delle irregolarità più evidenti e gravi è sicuramente quella relativa al numero legale dei presenti. Il sistema, infatti, prevedeva il tasto verde per votare si, quello rosso per votare no, gli astenuti venivano calcolati sottraendo al numero di delegati presenti a Bologna il numero dei votanti. Questo però rende impossibile la verifica del numero legale di volta in volta come espressamente richiesto dalle normative.

Assemblea FCI: i verbali non ci sono, ma partono i ricorsi e c’è chi pensa anche al TAR

Sono passate due settimane dalla data dell’assemblea straordinaria e, contritamente a quanto pubblicato sul sito federale e da ciò che normalmente avviene, i verbali non sono ancora stati resi pubblici. Da fonti molto vicine agli ambienti federali ci risulta che ci sarebbero gravi problemi e i legali della Federazione sarebbero impegnati nell’analisi degli elementi e nella valutazione dei possibili correttivi. Non a caso, neppure il vice presidente dell’Assemblea, il lombardo Bernardelli, sarebbe in possesso dei verbali e nessuno, fino ad ora, sarebbe riuscito a fornirgli una tempistica di pubblicazione.

Una delle irregolarità più evidenti e gravi è sicuramente quella relativa al numero legale dei presenti. Il sistema, infatti, prevedeva il tasto verde per votare si, quello rosso per votare no, gli astenuti venivano calcolati sottraendo al numero di delegati presenti a Bologna il numero dei votanti. Questo però rende impossibile la verifica del numero legale di volta in volta come espressamente richiesto dalle normative.

 

Facciamo un esempio pratico: i delegati presenti a Bologna (che hanno ritirato il telecomando) erano 236. La maggioranza necessaria per l’approvazione è quindi di 119. Se però al momento della votazione, 30 delegati non fossero presenti in aula, la maggioranza sarebbe dovuta scendere a 104.

Per il sistema, invece, il numero dei presenti in aula era sempre quello iniziale e chi era assente veniva considerato astenuto.

Come comprendiamo bene non è un dettaglio da poco e alcuni delegati presenti hanno fatto notare questa anomalia al Presidente dell’Assemblea, in particolare quando al rientro in sala dopo il pranzo, nonostante mancassero buona parte dei delegati, sia per l’avvocato Martinelli sia per gli addetti della società di rilevazione, il numero legale c’era.

Chi ha già assistito ad una votazione elettronica in qualsiasi consiglio comunale, si sarà sicuramente accorto che prima di procedere alla votazione vera e propria, si richiede la prenotazione, atto con il quale si certifica la presenza. In base al numero di presenze, viene calcolata la maggioranza necessaria per l’approvazione.

Addirittura, pare che una proposta particolarmente importante sia stata respinta, pur ottenendo la maggioranza di si, in virtù del quorum di maggioranza non raggiunto solo perché sono stati conteggiati anche gli assenti.

Da quel che ci risulta, proprio in questi giorni sarebbero partiti alcuni ricorsi denuncianti una serie di irregolarità, tra cui quella sopra descritta, ci giunge voce che qualche delegato voglia ricorrere direttamente al TAR presentando documentazioni fotografiche e video che proverebbero le irregolarità.

Lunedì si terrà a Roma un Consiglio Federale che si preannuncia decisamente infuocato, ora dopo ora sembra infatti prendere sempre più consistenza l’ipotesi che l’assemblea nazionale di Bologna venga invalidata, staremo a vedere cosa ne sarà di questa travagliata assemblea.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow