Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

La 65ª edizione del Trofeo Matteotti porta la firma di Oscar Gatto (Farnese Vini-Neri Sottoli). Il corridore della Farnese Vini batte allo sprint, sul traguardo di Piazza Duca degli Abruzzi, a Pescara, Rebellin (Miche) e Rubiano Chavez (D’Angelo&Antenucci).

LA CRONACA. Partenza del gruppo da Piazza Duca degli Abruzzi, alle ore 11.13. Iscritti 118, partiti in 116 (non partiti David Roch e Bruno Radotic).  Al primo giro, attaccano in 19. I fuggitivi raggiungono un vantaggio massimo (al km 23) di 2’ e 15”. Sotto la spinta della formazione Colnago-Csf, però, il gruppo torna compatto, al km 107. La media generale è 41,500 (quella più alta è stata registrata al primo giro, 42,320 km/h). I fuggitivi rimangono al comando per quasi 7 giri, prima di essere riassorbiti dal gruppo-ammiraglie. Corsa veloce, dura, in molti sono costretti ad abbandonare la gara.

A 4 giri dalla conclusione (a 45 km dal traguardo) attacca Kristijan Durasek (Loborika Favorit), al quale si agganciano in quattro: Jonathan Monsalve (Androni Giocattoli), Rafai Chioui (Acqua&Sapone), Alessandro Donati (Acqua&Sapone) e Giuseppe Muraglia (D’Angelo&Antenucci). Il vantaggio massimo dei fuggitivi viene raggiunto a 30 km dalla conclusione: 2’ e 25”. In testa rimangono Muraglia, Donati e il venezuelano Monsalve, che tentano di continuare l’azione.

A Pescara brillano i colori giallo fluo: il successo va a Gatto

La 65ª edizione del Trofeo Matteotti porta la firma di Oscar Gatto (Farnese Vini-Neri Sottoli). Il corridore della Farnese Vini batte allo sprint, sul traguardo di Piazza Duca degli Abruzzi, a Pescara, Rebellin (Miche) e Rubiano Chavez (D’Angelo&Antenucci).

LA CRONACA. Partenza del gruppo da Piazza Duca degli Abruzzi, alle ore 11.13. Iscritti 118, partiti in 116 (non partiti David Roch e Bruno Radotic).  Al primo giro, attaccano in 19. I fuggitivi raggiungono un vantaggio massimo (al km 23) di 2’ e 15”. Sotto la spinta della formazione Colnago-Csf, però, il gruppo torna compatto, al km 107. La media generale è 41,500 (quella più alta è stata registrata al primo giro, 42,320 km/h). I fuggitivi rimangono al comando per quasi 7 giri, prima di essere riassorbiti dal gruppo-ammiraglie. Corsa veloce, dura, in molti sono costretti ad abbandonare la gara.

A 4 giri dalla conclusione (a 45 km dal traguardo) attacca Kristijan Durasek (Loborika Favorit), al quale si agganciano in quattro: Jonathan Monsalve (Androni Giocattoli), Rafai Chioui (Acqua&Sapone), Alessandro Donati (Acqua&Sapone) e Giuseppe Muraglia (D’Angelo&Antenucci). Il vantaggio massimo dei fuggitivi viene raggiunto a 30 km dalla conclusione: 2’ e 25”. In testa rimangono Muraglia, Donati e il venezuelano Monsalve, che tentano di continuare l’azione.

Sulla salita di Montesilvano Colle, però, il gruppo torna nuovamente compatto. In testa a fare l’andatura c’è la Farnese Vini, condotta in ammiraglia dal pescarese Stafano Giuliani. All’ultimo giro, tentano di evadere dal gruppo, l’abruzzese Davide Torosantucci e Davide Rebellin. Visconti e Gatto controllano e neutralizzano ogni tentativo di azione solitaria. Ai 350 metri finali, parte lo sprint: Oscar Gatto è il più veloce. Battuti nell’ordine Davide Rebellin (Miche), Miguel Rubiano Chavez (D’Angelo&Antenucci) e Fabio Taborre (Acqua&Sapone), primo degli abruzzesi.

ORDINE D’ARRIVO.

1) Oscar Gatto (Farnese Vini) copre i 195 km, in 4 ore 45 minuti e 12”, alla media oraria di 41,024.
2) Davide Rebellin (Miche);
3) Miguel Rubiano Chavez (D’Angelo&Antenucci);
4) Fabio Taborre (Acqua&Sapone);
5) Francesco Ginanni (Androni Giocattoli);
6) Fortunato Baliani (D’Angelo&Antenucci);
7) Giuseppe De Maria (De Rosa-Ceramica Flaminia);
8) Federico Canuti (Colnago-Csf);
9) Edoardo Girardi (De Rosa);
10) Giuseppe Muraglia (D’Angelo&Antenucci).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow