Caso Viviani: l’ennesima presa in giro ad una FCI senza attributi

Elia Viviani, campione europeo in carica non sarà a Ploauy a difendere il titolo vinto un anno fa.

 La scelte di questa defezione è della sua squadra la Cofidis e a confermarlo è proprio un direttore sportivo del team francese:« nessun corridore della Cofidis risponderà a convocazioni di nazionali per una linea covid ben precisa adottata dal nostro team – spiega a tuttobiciweb Roberto Damiani -. Sono disposizioni interne, a queste ci dobbiamo adeguare tutti. Lo staff sanitario della Cofidis ha deciso che per questioni sanitarie i corridori dovranno solo essere seguiti dal nostro staff medico, per questa ragione non possiamo “prestarli” ad altre organizzazioni».

Ora, qui non stiamo parlando di convocazione ad una corsa di quarta fascia per alzare il numero di atleti partenti. Stiamo parlando di un campionato europeo. Una manifestazione per cui le squadre dovrebbero essere obbligate a dare i corridori alla nazionale.

In questa vicenda, se da un lato non ci sorprende eccessivamente la posizione della Cofidis (in fondo provano a fare i loro interessi), proprio non capiamo la posizione della Federazione che accetta in silenzio questa decisione. Insomma, sempre facile fare i forti con i deboli, ma a quando la FCI lo farà anche con i forti ?

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow