Ecco a voi il fantastico mondo del CONI

Cari amici calciofili benvenuti nel fantastico mondo del Coni. In questi giorni il calcio di Serie B e C sta vivendo giorni di tensione tra ricorsi e controricorsi, cambi di regole dell’ultimo minuto e denunce penali alla magistratura ordinaria.

Praticamente, il commissario della FIGC, Roberto Fabbricini già segretario del CONI, ha cambiato le regole un minuto prima che si presentassero i calendari di Serie B. Il motivo per cui l’ha fatto è da ricercare, almeno secondo “La Gazzetta dello Sport”, nella volontà di unire le leghe di A e B e poter dunque eleggere un presidente federale “gradito” al Coni. Ma guarda un po’ che novità …

Non sappiamo se questa ipotesi sia vera, ma sappiamo solo che questo è il modo di operare del Coni. Quante volte in questi anni abbiamo mostrato la regola e come la stessa veniva infranta proprio da coloro che avrebbero dovuto farla rispettare. In parecchie circostanze la giustizia della Federciclismo ha tirato fuori argomentazioni totalmente contrarie alle regole per giustificare la violazione della norma e il Coni si è sempre guardato bene dall’intervenire e quando è intervenuto non ha quasi mai posto fine alle violazioni regolamentari.

Nel calcio sta avvenendo assolutamente questo, con le regole cambiate all’ultimo minuto e il Collegio di Garanzia del Coni che ha fissato l’udienza per discutere di questa violazione due settimane dopo l’inizio dei campionati, non sospendendo in maniera cautelare (come sarebbe doveroso) l’inizio dei campionati in attesa della sentenza.

Dunque nessuna novità rispetto a ciò che noi da anni vediamo e denunciamo.

La differenza è che il calcio, anche in Serie B e C, muove numeri importanti in termini di tifosi incazzati, che le società non sono quelle ciclistiche che subiscono tutto stando zitte, ma fanno ricorsi e denunce anche alla giustizia ordinaria. Proprio ieri, infatti, l’Amministratore Delegato del Catania ha annunciato un’azione penale personale contro Fabbricini. Nel calcio c’è un sindacato serio, mica che ha proclamato uno sciopero per domenica prossima. La Lega e Fabbricini stanno facendo pressioni per non scioperare, azione che gli varrà una denuncia dell’AIC (sindacato calciatori) per comportamento antisindacale.

Non sappiamo se le società coinvolte otterranno quanto richiesto oppure solo un risarcimento danni, ma certamente se nel ciclismo tutti coloro che hanno subito un torto avessero reagito con questa decisione le cose oggi sarebbero molto, ma molto diverse.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow