Norma Gimondi candidata alla presidenza, ma chi c’è dietro di lei ?

Come avevamo anticipato per primi, Norma Gimondi (nella foto con Gianluca Santilli) sarà candidata alla Presidenza Federale. La figlia di Felice si propone come alternativa a Renato Di Rocco per guidare la FCI nel prossimo quadriennio olimpico.

Come abbiamo già spiegato nel precedente articolo, Norma Gimondi non è esperta di politica federale (e questo potrebbe essere anche un bene), ma non è certamente lontana dalla politica di Di Rocco o meglio del suo fido (o ex fido) collaboratore Gianluca Santilli. Non a caso è stata nominata dall’attuale presidente negli organi di giustizia della FCI e dell’UCI. Proprio quegli organi più volte denunciati dagli oppositori del presidente come iniqui e, in alcuni casi, al servizio di Di Rocco.

Anche nelle modalità con cui si è arrivati a questa candidatura qualcosa non ci torna. Norma Gimondi, lombarda, è stata presentata e accreditata al gruppo opposto a Di Rocco dal marchigiano Lino Secchi, la cui condotta nell’ultima assemblea di Levico è stata giudicata da tanti molto più vicina all’attuale presidente che ai suoi oppositori. Norma Gimondi dunque passa dalle Marche per fare giungere la sua candidatura in Lombardia. Non sarebbe stato più semplice alzare il telefono e parlare direttamente con Davide D’Alto, presunto leader dell’opposizione ? Probabilmente si, ma andiamo con calma.

Qualche settimana fa, nel corso di una riunione in Lombardia, Lino Secchi ha presentato la candidatura della figlia di Felice accolta subito con entusiasmo da D’Alto & c. Attenzione però, a quella riunione è stato volutamente escluso Angelo Francini, guarda caso l’oppositore più duro di Renato Di Rocco. E’ corretto escludere colui che da anni sta combattendo (praticamente da solo) contro l’attuale sistema dirocchiano ? Probabilmente no, ma andiamo con calma.

Dunque Norma Gimondi, totalmente inesperta di politica sportiva, si candida alla presidenza, e non a consigliere come sarebbe stato più logico, facendosi accreditare da Lino Secchi (vedi Levico) ad un gruppo in grado di portarle, almeno sulla carta, un certo numero di voti. Perché ?

Ora proviamo ad allontanarci un attimo dalla vicenda, a placare le gioie degli antidirocchiani per il fatto di avere trovato un candidato e proviamo ad analizzare in maniera distaccata la vicenda.

santilligimondi1

Il post con cui Gianluca Santilli comunica al gruppo Bicitaly la candidatura di Norma Gimondi.

Norma Gimondi per anni bazzica gli ambienti federali, nonostante Gianluca Santilli e Renato Di Rocco conoscessero un elevato numero di avvocati-magistrati nominabili negli organi di giustizia nominano lei. Per quattro anni (più gli otto precedenti) gli organi di giustizia ne fanno di tutti i colori e lei non dice nulla guardandosi bene dal denunciare o dal dimettersi. Non la si vede alle corse, non la si sente e probabilmente le società abruzzesi (per fare un esempio), cognome a parte, non sanno chi sia. Poi, ad un certo punto, l’esponente dell’opposizione più vicino al gruppo di Di Rocco, Lino Secchi appunto, la presenta come candidata e il gruppo degli oppositori esclude l’antidirocchiano più verace, Francini, e sposa la sua candidatura.

Norma Gimondi sarà veramente la candidata antagonista di Di Rocco oppure sarà la sua alternativa in caso di non raggiungimento del 55 % ? Norma Gimondi sarà veramente la candidata dell’opposizione o sarà la candidata di Gianluca Santilli votata anche dall’opposizione ?

Attualmente a queste domande non è facile rispondere e molto dipenderà dalle prossime mosse della candidata. Sposerà le battaglie fatte in questi anni contro Di Rocco oppure terrà un atteggiamento molto più diplomatico in modo da non precludersi un cambio di bandiera in caso di elezione ?

In questi anni è andata così: l’opposizione presentava un candidato che teneva un atteggiamento assolutamente moderato poi, una volta eletto, si avvicinava piano piano a Di Rocco per diventare un suo uomo. Crediamo che oggi chi si professa antidirocchiano debba manifestarlo palesemente, urlandolo a tutti in modo che in caso di volta bandiera la sua figuraccia sia evidente e sotto gli occhi di tutti. Diversamente potrebbe essere un film già visto.

Insomma, i dubbi sono tanti e solo il tempo potrà fugarli.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow