La trasformazione di Zom: da duro ad agnellino

Quando Angelo Zomegnan era a capo di Rcs Sport non gli abbiamo mai risparmiato complimenti. Ha sempre dimostrato di essere un innovatore, ma soprattutto un duro. Uno che non guardava in faccia a nessuno, che non ha avuto paura di combattere (e sotto certi aspetti vincere) contro l’Uci. Che fine ha fatto quell’Angelo Zomegnan. Da organizzatore duro e puro si è trasformato in un agnellino molto vicino al potere politico. Da grande innovatore si è scoperto a corto di idee nuove. Vuoi vedere che tutta la sua potenza stava nel fatto che era il direttore del Giro d’Italia ?  Vuoi vedere che il suo coraggio derivava dal fatto di avere alle spalle un colosso come Rcs ? Vuoi vedere che le idee innovative non erano farina del suo sacco, ma dei suoi collaboratori ?

Parliamo dello Zomegnan post Rcs. Prima, a Levico, fa uno spot elettorale a Di Rocco e ci piacerebbe sapere cosa c’entra la politica dirocchiana con ciò che dichiarava prima di allora Zomegnan. Poi organizza un Mondiale composto da scatole cinesi e lui era a capo dell’ultima: il comitato organizzatore. Il Mondiale non si può certo dire che sia stato un successo tanto che ancora oggi, non certo per colpa di Zomegnan, c’è chi lamenta di non essere stato pagato.

Lunedì, ha organizzato il Gp Liberazione. Nonostante la classificazione internazionale della gara 1.2U di internazionale il Liberazione aveva ben poco: 30 squadre italiane 5 straniere. Dall’ordine d’arrivo il Liberazione potrebbe tranquillamente essere una gara nazionale o addirittura regionale dato che nei primi 15 ci sono addirittura 13 italiani.

Anche l’aspetto televisivo non è stato assolutamente in linea con l’importanza della corsa o con ciò che ci saremmo aspettati da Zomegnan. La Rai non ha ripreso l’evento, non lo ha trasmesso e non lo trasmetterà. La gara andrà “in esclusiva” su Bike Channel  9 giorni dopo la corsa. Avremmo capito se Bike Channel avesse trasmesso la corsa in diretta o comunque con un’ampia sintesi il giorno della gara, ma così è stato un vero e proprio autogol rinunciare alla Rai per un canale con un audience decisamente inferiore e per di più con una trasmissione mandata in onda quando ormai l’interesse per la corsa è scemato.

Ma che fine ha fatto il vecchio Zom ? Quello che dalle pagine del suo blog su La Gazzetta dava (giustamente) randellate a tutti forte delle sue idee e soprattutto della sua coerenza ?

Zomegnan, per quello che diceva e scriveva, poteva essere potenzialmente un ottimo candidato alla presidenza della FCI in totale contrapposizione al conservatorismo di Di Rocco. Invece ha preferito buttare a mare tutti i suoi scritti “rivoluzionari” apparsi nel suo blog e sposare una linea molto più governativa. La nuova strada, almeno al momento, paga, ma per calpestare le proprie idee speriamo che almeno paghi tanto, perché altrimenti … .

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow