Impresa di Mamykin al Val d’Aosta che centra tappa e maglia

Rimane tutto da decidere il Giro della Valle d’Aosta 2015. Una corsa che solo giovedì sera, 16 luglio, sembrava già consegnata alla cassaforte dell’australiano Robert Power è esplosa oggi – venerdì – sul col Tze Core, dove il russo Matvey Mamykin ha deciso di andarsene e ha lasciato il plotone dei migliori. Davanti, sin dal mattino, c’erano Lorenzo Rota dell’Unieuro e Giulio Ciccone della Colpack, i grandi protagonisti della tappa che è partita da Gressan alle 10 de mattino ed è arrivata a Breuil Cervinia solo dopo le 15, sotto una pioggia leggera e un fresco gradevole dopo un’altra giornata di grandissimo caldo. Mamykin, che sulle difficili rampe del Tze Core aveva dimostrato di avere una gamba enorme, ha gestito benissimo anche la discesa che ha riportato la carovana a Saint-Vincent. Quando dopo Chatillon la strada  iniziata a salire Rota è saltato, mentre Ciccone e il russo sono andati avanti regolari e hanno continuato ad aumentare il vantaggio sul gruppo della maglia gialla (che è stato cronometrato, ai piedi della salita finale, a 8 minuti e 50). Dietro, la reazione dell’Australia è stata forse un poco ritardata: i canguri di Robert Power – con la stessa strategia utilizzata nei giorni scorsi – sono riusciti a limare lo svantaggio ma hanno pagato un ritardo di 3’23” dal russo che così – in un sol colpo – ha vinto la tappa e è andato ad indossare la maglia gialla.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow