Lega: candidature irregolari, assemblea da annullare

Una Lega … ? Con uno Statuto vergognoso ed indecente a dir poco. Creata da quattro soggetti con atto notarile di costituzione, mai modificato, che all’art. 1 a pag. 2 vengono cosi definiti: “é costituita tra i Comparenti (sc Binda, Team Galli srl, Comune di Camaiore, Team Abruzzo srl) una associazione avente la denominazione LEGA DEL CICLISMO PROFESSIONISTICO” con Sede in Milano, P.zza Luigi di Savoia 2 ( sede in quel momento del CCP nominato dalla FCI)…”

Ma quest’associazione privata costituita fra i quattro soli predetti soggetti può vincolare l’attività di tutti gli altri soggetti che avrebbero diritto di far parte della predetta Lega? La risposta può essere solamente NO.

Se poi aggiungiamo che lo Statuto approvato da questi quattro signori contiene attribuzioni che gli stessi non potevano attribuirsi, in quanto potevano semmai essere scritti e previsti solo nell’accordo successivo che doveva essere siglato tra Lega e FCI, suscettibile di modifiche annuali, quali ad esempio:

  1. a) incasso delle multe applicate agli associati (solo quei 4)
  2. b) dai diritti televisivi sulle gare (solo di quei 2 organizzatori).

Inoltre non si capisce il motivo di questo anticipo di rinnovo del direttivo della Lega che, a norma dell’art. 10 co. 1 lett. b):

L’Assemblea é convocata dal Presidente della Lega:

  1. b) ogni quattro anni, per il rinnovo delle cariche.

Tenuto conto che l’ultima elezione é avvenuta il 2.12.2011 non si capisce il motivo di questo anticipo di otto mesi sulla scadenza naturale…….

Inoltre leggendo lo Statuto scopriamo che:

a). Consiglio Direttivo

Il Consiglio direttivo é composto da un presidente, da un vicepresidente, e da quattro consiglieri eletti dall’assemblea (art 18/1) oltre ad un Vice-presidente nominato dal Consiglio Federale.

b). Candidature

A norma dell’art. 13 co. 1 possono essere eletti a far parte del CD della Lega i cittadini italiani maggiorenni, che debbono essere presentati da un associato alla Lega (art. 13 co. 3).

Fin qui uno penserebbe che tutto sia nella norma, a prescindere dalla fasulla costituzione della stessa Lega : ricordiamo che Lo Statuto federale votato a Bologna nel 2011 all’art. 46 co. 2 prevede che una Lega può essere costituita se ne fanno parte almeno il 90% degli aventi diritto. Tale comma é stato poi arbitrariamente cancellato dal Commissario ad Acta nelle modifiche apportate a dicembre 2014 (forse qualcuno gli avrà chiesto un favore personale)….

Ieri abbiamo appreso (comunicato sul sito della LCP) che le candidature (volutamente non é un errore) sono le seguenti:

Presidente  GHIGO Enzo

Vicepresidente   SCOTTI Vincenzo

Consigliere :

FELTRIN Stefano (gruppi sportivi)

COLOMBO Amedeo (corridori)

GOETZ Davide (direttori sportivi)

VEGNI Mauro (organizzatori).

Lo Statuto della Lega non prevede queste suddivisioni per categoria, parlando genericamente di elezioni alla carica di: Presidente, Vicepresidente e Consigliere.

Il perché si voglia far credere questo é abbastanza misterioso, ma molto comprensibile.

Ma poiché il diavolo, di solito fa le pentole e non i coperchi, i nostri prodi si sono imbrodati da soli, in quanto:

– FELTRIN (team manager della Tinkoff-Saxo affiliata in Danimarca, nonché presidente dell’ASSOGRUPPI, pur non risultando tesserato alla FCI)

– GOETZ (presidente della ADISPRO pur non risultando tesserato alla FCI)

– COLOMBO non tesserato alla FCI

sono stati candidati tutti e tre dalla GLM SPORT srt (gs COLUMBIA) di Claudio Corti (nella foto), in violazione dell’art. 13. co. 2 che prevede:

ciascun associato ha diritto di presentare un candidato per ciascuna carica da eleggere.

Quindi due di questi tre candidati non possono essere eletti poiché presentati per la stessa carica da eleggere (CONSIGLIERE) dallo stesso associato.

Presidente continua a far le tue pentole: ma forse faresti meglio a curarti di fare i coperchi!

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow