Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Sollecitati dai nostri visitatori, torniamo a parlare di Alessandra De Stefano. Dopo averla vista il giorno della presentazione delle squadre truccata e pettinata il declino è iniziato e, se tanto ci dà tanto, a Brescia la vedremo in vestaglia, pantofole e bigodini. Il suo modo di condurre ormai lo conosciamo e, dovendo essere sinceri, quest’anno è meno insopportabile del solito. Una cosa che però non riusciamo proprio a sopportare è il suo “siamo live” che vorrebbe andare a giustificare tutti gli errori.

Giro in TV 4: Il “siamo live” della De Stefano, paracadute per suoi numerosi errori

Sollecitati dai nostri visitatori, torniamo a parlare di Alessandra De Stefano. Dopo averla vista il giorno della presentazione delle squadre truccata e pettinata il declino è iniziato e, se tanto ci dà tanto, a Brescia la vedremo in vestaglia, pantofole e bigodini. Il suo modo di condurre ormai lo conosciamo e, dovendo essere sinceri, quest’anno è meno insopportabile del solito. Una cosa che però non riusciamo proprio a sopportare è il suo “siamo live” che vorrebbe andare a giustificare tutti gli errori.

Qualcuno dovrebbe ricordarle che anche il Festival di Sanremo, ad esempio, è “live”, ma non per questo si può fare una collezione di gaffe. Il problema è che la conduttrice napoletana, nonostante l’esperienza collezionata, non sembra proprio essere in grado di fare televisione. Potrà essere una bravissima giornalista, ma, televisivamente parlando, non ha né i tempi né le basi. Negli anni scorsi ce l’hanno fatta vedere mentre si scolava bottiglie di acqua, quest’anno in una delle puntate scorse ce l’hanno inquadrata che sbraitava non si sa con chi. Per cortesia, spiegatele che non è nel suo salotto e, anche se è “live”, fa televisione. L’appello va anche al microfonista: per cortesia cambiatele microfono, toglietele quel grattacielo che ha in mano e che spesso le occulta il viso, datele un microfono a clip come hanno tutti i conduttori bravi. Toglietele anche quell’aurocolare (auricolare con Auro) e datele un assistente di studio, o molto più semplicemente, fatele vedere come conduce Ilaria D’Amico e ditele di copiare, il ciclismo, la RAI e “Il Processo” ne beneficerebbero e con loro forse anche la stessa De Stefano.

 

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow