Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Confermo che nel mondo del ciclismo molti sono gli IPOCRITI, IMPOSTORI e QUAQUARAQUA'. Persone capaci di incantare i serpenti e più sono INCAPACI nello svolgere le loro abituali professioni o presunte tali , più godono di credibilità fino al punto di fare opinione. Per quanto riguarda il caso ARMSTRONG ricordo a te e a chi mi conosce da vicino che ho sempre sostenuto,  a gran voce, l'opinione personale che Lance NON avrebbe dovuto avere la licenza per correre.

Caso Armstrong, Angelo Gaudenzi:”Il ciclismo è in un regime di polizia”

Confermo che nel mondo del ciclismo molti sono gli IPOCRITI, IMPOSTORI e QUAQUARAQUA’. Persone capaci di incantare i serpenti e più sono INCAPACI nello svolgere le loro abituali professioni o presunte tali , più godono di credibilità fino al punto di fare opinione. Per quanto riguarda il caso ARMSTRONG ricordo a te e a chi mi conosce da vicino che ho sempre sostenuto,  a gran voce, l’opinione personale che Lance NON avrebbe dovuto avere la licenza per correre. Che ai controlli ANTIDOPING non è mai risultato positivo è un errore, il fatto è che ad ogni controllo lui era AUTORIZZATO ad usare particolari medicinali causa la sua malattia. Lui non ha fatto altro che cavalcare l’onda. In questi fatti sono coinvolti proprio tutti. INGIUDICABILI sicuramente i corridori che hanno sollevato il polverone anti Lance solo dopo aver smesso di correre, e dopo aver goduto di contratti e premi proprio grazie ai risultati di ARMSTRONG (con l’aiuto dei compagni) HANNO SUPERATO OGNI LIMITE invece le autorità mondiali della sanità civile e sportiva. Non dobbiamo dimenticare infatti che, ai tempi del famoso 50% di EMATOCRITO, da dove cioè iniziò la nuova era della lotta al DOPING, fu fatta una proposta all’azienda che aveva allora il monopolio del medicinale destinato agli ammalati di ANEMIA di introdurre un tracciante colorato che avrebbe così facilitato il riscontro dell’uso di EPO sintetica. PROPOSTA RIFIUTATA. E che dire delle Autorità Sportive che si dicevano schierate nella lotta all’EPO a nome della SALUTE degli atleti E CHE NON SONO RIUSCITE AD OTTENERE QUANTO RICHIESTO favorendo quindi l’uso indiscriminato del prodotto???? ……..e di tutto il mondo mediatico che ha usato le imprese di Lance come un GRANDISSIMO messaggio a tutte le persone malate di tumore PUR SAPENDO che erano viziate da vari certificati medici???? Ciclismo malato si dice.  Io credo ancora e sempre crederò che il ciclismo è uno degli sport più belli, più affascinanti, più coinvolgenti che esistono e non è certamente questo scandalo, ANNUNCIATO anzi AUTORIZZATO, che riuscirà a scalfire la passione di centinaia, migliaia, milioni di persone.Una cosa è certa: bisogna fare pulizia ma a TUTTI I LIVELLI. Una riflessione viene a questo punto spontanea e che vuole essere indipendente dalle squalifiche poi adottate ad ogni atleta menzionato e per cui non voglio sicuramente propormi come palatino ma mi domando e domando a Voi amanti del ciclismo: è giusto che un corridore come REBELLIN venga squalificato per un controllo alle OLIMPIADI di PECHINO per positività alla CERA comunicata ufficialmente OTTO MESI DOPO L’EVENTO. Ripeto, non voglio fare il difensore delle cause perse, solo Davide in cuor suo sa se ha barato o no ma è mai possibile che i risultati delle analisi antidoping in quello che è il massimo evento sportivo mondiale “LE OLIMPIADI” vengano resi noti a così lunga distanza temporale????

E che dire dei presunti “DOPATI” in virtù risultati e le conseguenti norme di teorie mediche a volte poi smentite scientificamente come nel  caso PELLIZZOTTI ??????

E ancora. Vi ricordate RASMUSSEN corridore della Rabobank  licenziato in occasione di una recente edizione del TOUR ????? Perché si domanderanno chi non sa la vicenda, Perché visto a pedalare in allenamento, quindi in periodo antecedente alla sua partecipazione al TOUR, in un luogo diverso da quello in cui avrebbe dovuto essere in quel giorno. Qui un chiarimento risulta opportuno: i corridori hanno l’obbligo di avvisare via Mail o SMS le autorità mondilali ciclistiche UCI di OGNI loro spostamento affinchè, le stesse, possano esercitare il diritto di un eventuale CONTROLLO ANTIDOPING  al di fuori dalle corse. SIAMO A LIVELLO DI REGIME DI POLIZIA che limita anche LA LIBERTA’ PERSONALE. Una regola questa comunque accettata dai corridori che con scrupolo si attengono alle disposizioni esclusa qualche rara eccezione. RASMUSSEN ha avuto notevoli difficoltà a rientrare nel gruppo e lo ha potuto fare perché alcuni Sponsor del suo paese lo hanno sostenuto e creduto nella bontà del progetto di un SUA squadra prima ancora che il TRIBUNALE a cui si era rivolto gli desse ragione condannando anche la controparte al risarcimento di 750.000 Euro. Sono solo tre esempi di come vanno le cose. Si passa da un eccesso di permissivismo ad un eccesso di rigore. Mio padre diceva sempre che la VERITA’ sta nel MEZZO.

Ciao a tutti, Angelo GAUDENZI

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow