Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Raccontando la gaffe fatta ieri dai commentatori Rai, si corre il rischio di non essere creduti. A ventitre chilometri dall’arrivo , Martinello sta analizzando una foratura della maglia rosa Hesjedal, si interrompe e dà la linea ad Andrea De Luca, dalla moto, che riferisce di una caduta dello stesso Hesjedal. Balani stacca sull’elicottero e vediamo un corridore impegnato in un inseguimento solitario scortato solo dalla scia della sua ammiraglia. Per 9 minuti Davide Cassani, Francesco Pancani, Andrea De Luca parlano e della caduta della maglia rosa e ne analizzano il rientro.

Ad un certo punto il corridore che loro dicono essere Hesjedal viene ripreso dalla moto in coda al gruppo e si vede chiaramente che il suo dorsale non è il 95, di Helsejdal, ma è il 98 di Stetina. Anche la telecamera sopra l’elicottero zooma e ci mostra chiaramente che il corridore nella scia dell’ammiraglia Colnago è Stetina, il 98, e non Hesjedal, il 95. Nonostante questo i commentatori continuano ad analizzare il rientro, senza accorgersi minimamente che hanno sbagliato corridore. Poi, l’apoteosi, in testa al gruppo si scorge la maglia rosa (vera) di Hesjedal, ma Cassani continua imperterrito a descrivere le operazioni di rientro.

GIRO IN TV/9: “La maglia rosa è caduta”, ma a cadere è la maglia bianca …

Raccontando la gaffe fatta ieri dai commentatori Rai, si corre il rischio di non essere creduti. A ventitre chilometri dall’arrivo , Martinello sta analizzando una foratura della maglia rosa Hesjedal, si interrompe e dà la linea ad Andrea De Luca, dalla moto, che riferisce di una caduta dello stesso Hesjedal. Balani stacca sull’elicottero e vediamo un corridore impegnato in un inseguimento solitario scortato solo dalla scia della sua ammiraglia. Per 9 minuti Davide Cassani, Francesco Pancani, Andrea De Luca parlano e della caduta della maglia rosa e ne analizzano il rientro.

Ad un certo punto il corridore che loro dicono essere Hesjedal viene ripreso dalla moto in coda al gruppo e si vede chiaramente che il suo dorsale non è il 95, di Helsejdal, ma è il 98 di Stetina. Anche la telecamera sopra l’elicottero zooma e ci mostra chiaramente che il corridore nella scia dell’ammiraglia Colnago è Stetina, il 98, e non Hesjedal, il 95. Nonostante questo i commentatori continuano ad analizzare il rientro, senza accorgersi minimamente che hanno sbagliato corridore. Poi, l’apoteosi, in testa al gruppo si scorge la maglia rosa (vera) di Hesjedal, ma Cassani continua imperterrito a descrivere le operazioni di rientro. Un lungo silenzio e poi le scuse di Pancani che ammette l’errore. Ancora una volta bravo a Francesco Pancani che ha deciso di prendersi le sue responsabilità come fece a Sanremo. Il punto è però un altro: come è possibile che con lo spiegamento di forze messo in campo dalla Rai al Giro nessuno si sia accorto che non era Hesjedal, ma Stetina ? Di Luca era addirittura in moto nella scia di Stetina, ne ha descritto il rientro per filo e per segno, ma non ha neanche guardato il dorsale, oltre che la maglia.

Come se non bastasse, a tappa finita, la “maestrina” Alessandra De Stefano ha insistito a ripetere che la maglia rosa era caduta, peccato che la maglia rosa ieri non sia mai caduta. Ogni ulteriore commento è superfluo.

Venendo ai dati Auditel, ieri  il Giro su Rai Tre è stato seguito 1.424.000 persone, 9,06% di share, il Processo alla tappa ha fatto registrare un audience di 661.000 telespettatori, con uno share 4,58%.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow