Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Nell’ambito delle manifestazioni di avvicinamento ai Mondiali 2013,dove Lucca sarà sede di partenza della gara in linea Professionisti,la ns. Società avrebbe organizzato per il giorno 20 Maggio 2012 una manifestazione per Giovanissimi da svolgersi sulle secolari Mura Urbane di Lucca che saranno poi sede di partenza della gara iridata. Si sarebbe chiamata Trofeo Lucca Mondiale e a tutti i partecipanti avremmo assicurato un premio indipendentemente dal piazzamento. Ai vincitori delle varie categorie anche fiori coi colori dell’iride e maglietta pseudoiridata con sfilata  nel centro storico della città.

L’Amministrazione Provinciale e quella Comunale hanno immediatamente aderito all’iniziativa che avrebbe trovato anche l’appoggio di sponsor privati.Come prologo sarebbe stata indetta una leva ciclistica per bambini dai 4 ai 6 anni. Sarebbe stata veramente una bella giornata di sport. Purtroppo con le ultime disposizioni emanate dal Presidente Di Rocco e dal Consiglio Federale quanto sopra non ci sarà consentito ed allora al Comitato Regionale Toscano ed al Comitato Provinciale di Lucca che ci leggono per conoscenza si comunica ufficialmente che rinunciamo all’organizzazione della gara. Dopo 66 anni di attività ed oltre 300 gare organizzate è la prima volta che  la ns. Società deve prendere una decisione che per noi e per i veri appassionati di ciclismo è dolorosa.

Pier Luigi Poli a Di Rocco:”Lei ci fa paura !”

Nell’ambito delle manifestazioni di avvicinamento ai Mondiali 2013,dove Lucca sarà sede di partenza della gara in linea Professionisti,la ns. Società avrebbe organizzato per il giorno 20 Maggio 2012 una manifestazione per Giovanissimi da svolgersi sulle secolari Mura Urbane di Lucca che saranno poi sede di partenza della gara iridata. Si sarebbe chiamata Trofeo Lucca Mondiale e a tutti i partecipanti avremmo assicurato un premio indipendentemente dal piazzamento. Ai vincitori delle varie categorie anche fiori coi colori dell’iride e maglietta pseudoiridata con sfilata  nel centro storico della città.

L’Amministrazione Provinciale e quella Comunale hanno immediatamente aderito all’iniziativa che avrebbe trovato anche l’appoggio di sponsor privati.Come prologo sarebbe stata indetta una leva ciclistica per bambini dai 4 ai 6 anni. Sarebbe stata veramente una bella giornata di sport. Purtroppo con le ultime disposizioni emanate dal Presidente Di Rocco e dal Consiglio Federale quanto sopra non ci sarà consentito ed allora al Comitato Regionale Toscano ed al Comitato Provinciale di Lucca che ci leggono per conoscenza si comunica ufficialmente che rinunciamo all’organizzazione della gara. Dopo 66 anni di attività ed oltre 300 gare organizzate è la prima volta che  la ns. Società deve prendere una decisione che per noi e per i veri appassionati di ciclismo è dolorosa.

Le regole emanate dagli organi federali sono assurde e incomprensibili,sembre che tutto il male del ciclismo siano i giovanissimi,non si capisce neanche l’ostinazione . la determinazione ed anche la cattiveria  nel voler levare dal collo di un bimbo una medaglia. Su quali base psicologiche si basano queste decisioni?

Lei Sig. Di Rocco ci fa paura.

Lei Sig. Di Rocco ci fa paura quando fa un’autorete clamorosa dichiarando che le Regioni del Centro Sud sono al suo fianco. Queste Regioni sono importanti per Lei a livello elettorale ma rappresentano soltanto il 10% dell’attività nazionale. Ci faccia sapere cosa pensano Lombardia e Veneto delle sue decisioni.

Lei Sig. Di Rocco ci fa paura quando mette in difficoltà decine di Società con la stupiDaggine della seconda domenica del mese,pensa davvero che i Campioni si trovIno così? Ma chi sono i suoi consiglieri ?

Ci fa paura quando in una intervista dichiara che rinuncia al tesseramento di un giovanissimo se il padre è fanatico.

Questa è una frasa da trattato di Psicopedagogia, si pensa al padre e al figlio chi ci pensa?  Se anche negli altri sport la pensano così avremo a 7 anni già un disadattato.  Chi lavora coi giovanissimi non può avere questi pregiudizi.

Inoltre se il padre è fanatico senz’altro sborserà le migliaia di Euro necessarie   per far correre il figlio fra i Professionisti come ormai avviene  per il 20/30% degli atleti che intendono arrivare alla massima categoria.

Lei lo sa bene che esiste questa situazione,ma nessuno ne vuole parlare,Presidente Federale compreso.

La ringraziamo della cortese attenzione e speriamo di non avere più paura dei ns. Dirigenti

Pier Luigi Poli Vice Presidente del Pedale Lucchese Poli.
info@biciclettepoli.it

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow