Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Ovviamente la dedica per questa vittoria e tutta per lui Xavier Tondo Volpini…… Ho interpretato la salita in costante progressione. E’ stato molto duro il primo chilometro di salita poi ho preso il ritmo e non ho mai calato l’intensità dello sforzo. Al primo intertempo avevo pochi secondi su Nibali, poi con la salita ho aumentato come avevo previsto con Riis e non c’è stata storia”

Per l’ennesima volta c’è stata la dimostrazione che la forza di Alberto Contador è anche nella sapiente gestione delle suo capacità.

Cosa si può chiedere ancora ad un atleta che pur partecipando al Giro con sul collo la mannaia del prossimo giudizio del Tas, corre con il cuore e con la mente, sapendo emozionare come non aveva mai fatto nella precedenti edizioni vinte di Tour, Giro e Vuelta.

Contador vince la crono ed è sempre più padrone del Giro: si lotta per il secondo posto

Ovviamente la dedica per questa vittoria e tutta per lui Xavier Tondo Volpini…… Ho interpretato la salita in costante progressione. E’ stato molto duro il primo chilometro di salita poi ho preso il ritmo e non ho mai calato l’intensità dello sforzo. Al primo intertempo avevo pochi secondi su Nibali, poi con la salita ho aumentato come avevo previsto con Riis e non c’è stata storia”

Per l’ennesima volta c’è stata la dimostrazione che la forza di Alberto Contador è anche nella sapiente gestione delle suo capacità.

Cosa si può chiedere ancora ad un atleta che pur partecipando al Giro con sul collo la mannaia del prossimo giudizio del Tas, corre con il cuore e con la mente, sapendo emozionare come non aveva mai fatto nella precedenti edizioni vinte di Tour, Giro e Vuelta.

Come ha fatto a Tropea, sull’Etna, nelle tre tappe dello scorso weekend e come ha fatto oggi nella cronoscalata Belluno-Nevegal.

Anche oggi, nei 12,7km di gara il madrileno della Saxo Bank ha messo in scena il suo cavallo di battaglia in questo Giro 2011, il voler cannibalizzare ogni metro di gara, ogni avversario, ogni traguardo.

Nonostante la manifesta superiorità dimostrata in queste prime 16 tappe a parole il “pistolero” non abbassa la guardia e guarda con attenzione al futuro:

Sinceramente non ho ancora visto bene la tappa di domani. So che tutti i giorni ci sono le possibilità di attaccare e di essere attaccato. E non ho grande paura di attacchi di Nibali in discesa. Se lui attaccherà, io sarò lì……Il distacco è molto buono ma come io penso di dovermi difendere, gli altri hanno ancora voglia di recuperare. Penso che la gara non sia ancora chiusa……Penso ai tifosi, non al Tas o altre vicende legate ad Armstrong. Penso a coloro che, caldo o freddo, pioggia o sole, sono sempre qui a incitarmi e applaudire il gruppo…… Posso dire che in questo Giro sto soffrendo molto ma sono in una forma eccezionale e mi sto gustando tutto. Vittoria importante o meno importante non cambia: cerco di godermi tutto. Dal panorama ai tifosi, fino agli sms ed alle telefonate di chi mi vuole bene”.

In tanti oggi ottenendo il miglior tempo hanno pregustato la possibilità di portare a casa il successo di tappa: Marco Pinotti, Stefano Garzelli, Josè Rujano, Vincenzo Nibali, e tutti con buone credenziali e possibilità. Ma purtroppo il neocannibale Contador, partito per lasciare solo le briciole agli avversario, ha deciso di fare la gara e di non fare il ragioniere raccogliendo il secondo successo di tappa in questa edizione del Giro. Successo che gli ha dato la possibilità di dedicare la vittoria a Xavier Tondo Volpini, vittima di una tragedia casalinga che ha sconvolto per la sua dinamica.

Lutto al quale si è unito anche tutta la carovana del Giro, osservando un minuto di silenzio prima della partenza del primo corridore.

Mario Prato

Ordine d’Arrivo

1)    Alberto Contador (Spa, Saxo Bank – Sungard) in 28’55’’

2)    Vincenzo Nibali (Ita, Liquigas – Cannondale) a 34’’

3)    Michele Scaponi (Ita, Lampre – ISD) a 38’’

4)    Josè Rujano (Ven, Androni – CIPI) a 39’’

5)    Stefano Garzelli (Ita, Acqua & Sapone) a 46’’

6)    Roman Kreuziger (Cze, Astana) a 49’’

7)    Denis Menchov (Rus, Geox – TMC) a 52’’

8)    Marco Pinotti (Ita, HTC – High Road) a 58’’

9)    Branislau Samoilau (Blr, Movistar) a 59’’

10) Vladimir Miholjevic (Cro, Acqua & Sapone) a 1’04’’

Classifica Generale

1)    Alberto Contador (Spa, Saxo Bank – Sungard) in

2)    Michele Scarponi (Ita, Lampre – ISD) a 4’58’’

3)    Vincenzo Nibali (Ita, Liquigas – Cannondale) a 5’45’’

4)    John Gadret (Fra, Ag2r La Mondiale) a 7’35’’

5)    Josè Rujano (Ven, Androni – CIPI) a 9’18’’

6)    Mikel Nieve (Spa, Euskaltel – Euskadi) a 9’22’’

7)    Denis Menchov (Rus, Geox – TMC) a 9’38’’

8)    Roman Kreuziger (Cze, Astana) a 9’47’’

9)    Joaquin Rodriguez (Spa, Katusha) a 10’25’’

10) Igor Anton (Spa, Euskaltel – Euskadi) a 10’58’’

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow