La Parigi – Roubaix del 2011 non entrerà certamente tra le più divertenti degli ultimi anni, ma è sicuramente una delle più sorprendenti. Il successo è infatti andato, decisamente a sorpresa, al belga della Garmin Johan Van Summeren, alla sua prima vittoria di rilievo. Il compagno di squadra del Campione del Mondo Thor Hushovd, ha saputo sfruttare bene l’eccessivo tatticismo nel gruppo dei migliori riuscendo a guadagnare un buon vantaggio che Cancellara, nel finale, non è riuscito a colmare. Lo svizzero della Leopard, al traguardo secondo, ha superato l’olandese Marteen Tjallingii. Sesto e miglior italiano il veneto della BMC Alessandro Ballan. Sfortunatissimo Tom Boonen vittima di una foratura nel tratto della foresta di aremberg che gli ha fatto perfere alcuni minuti e, proprio quando sembrava rientrato sul gruppo di testa, una caduta lo definitivamente messo fuori corsa. Sfortunato anche Manuel Quinziato che, a ridosso dei primi, ha tamponato una motocicletta dell’organizzazione che si era indebitamente fermata in un tratto di pavee .

Ordine d’Arrivo:

1° Johan Van Summeren (Team Garmin Cervélo)
2° Fabian Cancellara (Leopard) a 19″
3° Maarten Tjallingii (Rabobank)
4° Gregory Rast (RadioShack)
5° Lars Ytting Bak (HTC) a 21″
6° Alessandro Ballan (BMC) a 36″
7° Bernhard Eisel (HTC Highroad) a 47″
8° Thor Hushovd (Team Garmin-Cervélo)          
9° Juan Antonio Flecha Giannoni (Sky)
10° Mathew Hayman (Sky)