Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Sono passati ormai alcuni mesi da quanto Davide Balboni, Presidente del Comitato Regionale Emilia Romagna, ha deciso di sollevare dal suo incarico Marco Giannotti, poi squalificato dalla Commissione Disciplinare.

Tra qualche giorno scadrà la squalifica, ma Giannotti non tornerà a dirigere i commissari dell’Emilia Romagna e pare che Balboni non sia intenzionato a riconfermare neppure coloro che componevano la sua commissione (Pietra, Cimatti e Molari), infatti, in questi mesi di assenza di gare questo ruolo è stato ricoperto “ad interim” dallo stesso Balboni.

Secondo quanto trapela da fonti molto vicine al Comitato Emiliano Romagnolo, il prossimo presidente della commissione regionale Giudici di gara potrebbe non avere la qualifica di commissario.

Clamoroso: in Emilia il Presidente dei Giudici potrebbe non essere un Giudice

Sono passati ormai alcuni mesi da quanto Davide Balboni, Presidente del Comitato Regionale Emilia Romagna, ha deciso di sollevare dal suo incarico Marco Giannotti, poi squalificato dalla Commissione Disciplinare.

Tra qualche giorno scadrà la squalifica, ma Giannotti non tornerà a dirigere i commissari dell’Emilia Romagna e pare che Balboni non sia intenzionato a riconfermare neppure coloro che componevano la sua commissione (Pietra, Cimatti e Molari), infatti, in questi mesi di assenza di gare questo ruolo è stato ricoperto “ad interim” dallo stesso Balboni.

Secondo quanto trapela da fonti molto vicine al Comitato Emiliano Romagnolo, il prossimo presidente della commissione regionale Giudici di gara potrebbe non avere la qualifica di commissario.

Le norme, in effetti, non specificano in maniera esplicita che per ricoprire questo ruolo occorra essere dei giudici, e così sfruttando una norma cambiata nell’indifferenza generale nel 2009, Balboni potrebbe essere il primo in Italia ad andare a mettere alla guida dei giudici uno che giudice non è.

Il nome più gettonato è quello del Consigliere Regionale Alberto Braghetta che, al momento, sembra il favorito a ricoprire questo incarico.

L’unico punto del regolamento che sembra rendere impossibile questa nomina è quello relativo al “controllore – controllato”, norma generica che pone in condizione di incompatibilità tutti coloro che si possono trovare in questa situazione. Essere Consigliere Regionale e Presidente della CRCG, a nostro avviso, rientra in questo punto.

Al di là dell’interpretazione delle norme, crediamo che, anche se le regole consentissero questa nomina, questa sia sbagliata sia dal punto di vista politico, sia dal punto di vista tecnico.

Politicamente significherebbe andare allo scontro frontale con una categoria intera, delegittimandola, dando a tutti un segnale di forte autoritarismo da parte del Comitato. Tecnicamente, pur non conoscendo le nozioni regolamentari del signor Braghetta, crediamo che non sia all’altezza di fare crescere i commissari Emiliano Romagnoli come potrebbe invece essere un commissario.

Forse, con Giannotti, i commissari emiliani avevano alzato troppo la testa (vedi i casi “Camping Arizona” e Zamagni) e questo potrebbe essere il giusto modo per “calmarli”.

Staremo a vedere se Davide Balboni, dato che l’Emilia Romagna non riesce a primeggiare per le cose positive, vorrà essere il primo ad introdurre questa “novità” decisamente negativa non per i giudici, ma per l’intero movimento ciclistico.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow