Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Anche quest’anno la Federazione, in particolare i commissari, dovranno fare i conti con le difficoltà economiche che da qualche anno stanno coinvolgendo tutta l’attività Federale.

Osservando le designazioni della Commissione Nazionale, in particolare nelle gare dilettantistiche, si può evincere in maniera ben chiara quello che nell’ambiente è già noto: la parola d’ordine è risparmio.

Seguendo la stessa logica, anche alle Commissioni Regionali sarà richiesto di risparmiare. Pare che alcune Commissioni siano intenzionate ad inviare  solo due commissari alle gare dei giovanissimi.

Se questa scelta fosse confermata, come sembra, crediamo che, ancora una volta, i commissari si troverebbero in una situazione di difficoltà non per colpe loro. Spesso, infatti, due soli giudici non riescono a controllare la gara in modo adeguato e, in questo modo, si attirano su le critiche di un ambiente spesso troppo esasperato.

Giovanissimi: Giudici al risparmio, ma sempre parafulmini di tutto

Anche quest’anno la Federazione, in particolare i commissari, dovranno fare i conti con le difficoltà economiche che da qualche anno stanno coinvolgendo tutta l’attività Federale.

Osservando le designazioni della Commissione Nazionale, in particolare nelle gare dilettantistiche, si può evincere in maniera ben chiara quello che nell’ambiente è già noto: la parola d’ordine è risparmio.

Seguendo la stessa logica, anche alle Commissioni Regionali sarà richiesto di risparmiare. Pare che alcune Commissioni siano intenzionate ad inviare  solo due commissari alle gare dei giovanissimi.

Se questa scelta fosse confermata, come sembra, crediamo che, ancora una volta, i commissari si troverebbero in una situazione di difficoltà non per colpe loro. Spesso, infatti, due soli giudici non riescono a controllare la gara in modo adeguato e, in questo modo, si attirano su le critiche di un ambiente spesso troppo esasperato.

La cosa migliore, sia per risparmiare, sia per dare un importante segnale a tutto l’ambiente, è quella di copiare ciò che da anni la Federcalcio fa nelle categorie dei più piccoli e non mandare i commissari.

Così facendo, oltre al notevole risparmio, dato che le tasse gara dei giovanissimi coprono a malapena le spese per un solo giudice, si andrebbe a delegare alla società organizzatrice il compito di predisporre quattro persone deputate al controllo della gara e alla compilazione dei verbali. Così, sarebbe chiaro a tutti che lo scopo di tali gare è esclusivamente ludico e non si innescherebbero quelle polemiche che vengono legittimate dalla presenza di un commissario avente sul petto il distintivo federale che, in automatico, dà valore ufficiale alla sua presenza.

Dalla Federazione si dice che i commissari servono per “ufficializzare” la gara, ma per “ufficializzare” una gara bisognerebbe averne il controllo e due commissari non possono averlo. Allora, perché non si fa come nel calcio, in cui il “rapportino di gara”, utile per ufficializzare la partita viene compilato dal “dirigente-arbitro” e inviato al giudice sportivo per l’approvazione della gara.

Insomma, ancora una volta, nel ciclismo anziché scegliere la strada più semplice e meno dispendiosa si complicano le cose, forse solo per trovare nei commissari i parafulmine di una Federazione con tanti, troppi, problemi.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow