Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Scorrendo la composizione del Consiglio Federale della Federazione Italiana Gioco Calcio, ci è balzata agli occhi la presenza, tra gli altri, di Massimo Cellino, imprenditore sardo e Presidente del Cagliari, e di Claudio Lotito, imprenditore e Presidente della Lazio, unitamente al Presidente di Lega, il giornalista e manager, Maurizio Beretta.

Per un attimo abbiamo fantasticato, immaginando nel Consiglio Federale della FCI due personaggi del calibro di Paolo Dal Lago o Mario Galbusera: due persone che nella loro vita lavorativa hanno ottenuto grandi successi e che al ciclismo hanno dato veramente molto. Due persone che vedono il ciclismo non come un hobby domenicale, ma come progetto di marketing finalizzato alla crescita, esattamente quello che manca alla Federazione Italiana.

Fantasticando: e se in Consiglio Federale sedessero Dal Lago e Galbusera ?

Scorrendo la composizione del Consiglio Federale della Federazione Italiana Gioco Calcio, ci è balzata agli occhi la presenza, tra gli altri, di Massimo Cellino, imprenditore sardo e Presidente del Cagliari, e di Claudio Lotito, imprenditore e Presidente della Lazio, unitamente al Presidente di Lega, il giornalista e manager, Maurizio Beretta.

Per un attimo abbiamo fantasticato, immaginando nel Consiglio Federale della FCI due personaggi del calibro di Paolo Dal Lago o Mario Galbusera: due persone che nella loro vita lavorativa hanno ottenuto grandi successi e che al ciclismo hanno dato veramente molto. Due persone che vedono il ciclismo non come un hobby domenicale, ma come progetto di marketing finalizzato alla crescita, esattamente quello che manca alla Federazione Italiana.

La loro presenza in Consiglio, porterebbe la Federazione ad andare oltre a quelle logiche elettorali quali deroghe e regole che guardano più al bene di pochi che all’interesse di tutti. Potrebbero candidarsi , obiettterà qualcuno, ma il sistema elettorale della Federazione non sembra tenere sufficientemente in considerazione il settore Professionistico (che non a caso in Italia sta andando malissimo).

Il settore Professionistico è il settore più importante, perché rappresenta la vetrina del ciclismo e personaggi di questa caratura sarebbero una garanzia per tutti. Sia Dal Lago sia Galbusera non avrebbero bisogno di intervenire alla premiazione di paese per comparire nelle fotografie insieme al vincitore, così come non avrebbero interesse a penalizzare il ciclismo in ragione dei propri interessi, dal momento che i loro interessi sono direttamente legati alla crescita del ciclismo: più il ciclismo cresce e meglio è per loro.

Paolo Dal Lago e Mario Galbusera sono sicuramente i due rappresentanti delle aziende più importanti del ciclismo italiano, in alternativa potremmo citare Mario Androni o Ennio Barbarossa, cambierebbe il nome, ma non tutto ciò che abbiamo detto in precedenza.

Invece, anziché percorrere questa strada, in Consiglio Federale abbiamo l’ex cambio ruote Flavio Milani, gli ex commissari Giovanni Duci e Carlo Buzzi, l’ex Presidente del Comitato Abruzzese Camillo Ciancetta e altri con un curriculum al loro pari. Non stiamo dicendo che nessuno di questi merita di sedere in Consiglio, però forse, una miglior distribuzione di competenze e obiettivi non farebbe per niente male.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow