Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Si sono conclusi da qualche giorno i “Sondaggioni” e, per fortuna, stanno facendo ancora parlare. Com’era prevedibile, chi ha vinto è contento, chi ha perso rosica, ostentando indifferenza lanciando ombre sul risultato finale.

Il successo dei “Sondaggioni” passa proprio da qui e sarebbe ipocrita, da parte nostra, ambire ad un concorso che generi indifferenza.

Due anni fa, il giudizio finale si basava solamente sul verdetto del pubblico. L’anno scorso, il verdetto conclusivo era affidato solo alla giuria, mentre quest’anno si è tenuto conto di entrambi questi importanti fattori.

Sondaggioni: chi ha vinto gongola, chi ha perso … rosica

Si sono conclusi da qualche giorno i “Sondaggioni” e, per fortuna, stanno facendo ancora parlare. Com’era prevedibile, chi ha vinto è contento, chi ha perso rosica, ostentando indifferenza lanciando ombre sul risultato finale.

Il successo dei “Sondaggioni” passa proprio da qui e sarebbe ipocrita, da parte nostra, ambire ad un concorso che generi indifferenza.

Due anni fa, il giudizio finale si basava solamente sul verdetto del pubblico. L’anno scorso, il verdetto conclusivo era affidato solo alla giuria, mentre quest’anno si è tenuto conto di entrambi questi importanti fattori.

Qualche concorrente dei “Sondaggioni”, guarda caso chi ha perso, ha segnalato che nella formula di voto on line, sarebbe possibile aggirare il limite tecnico di un voto al giorno. Secondo loro, infatti, avviando più connessioni sarebbe possibile ottenere altri indirizzi IP e potere quindi votare più di una volta al giorno.

Questa segnalazione, tutta da verificare, farebbe il pari con quelle che periodicamente si sentono in corrispondenza dei reality, del Festival di Sanremo, di Miss Italia e di tutte quelle altre manifestazioni che si basano sul cosiddetto “televoto”. Anche il prestigioso premio del “Telegatto”, si basa sul voto attraverso i “cupon”  presenti su “Sorrisi e Canzoni TV”, nessuno può però controllare che ogni votante acquisti una sola copia del giornale. Così come nessuno può verificare che i concorrenti dei reality, del Festival o di Miss Italia, non si rivolgano ai “call center” per ottenere un maggior numero di voti. Anche in queste manifestazioni chi contesta sono sempre gli sconfitti.

Tornando ai “Sondaggioni”, anche ammesso che ci sia stato chi ha riavviato più volte la connessione, ottenendo così più voti, questo non ha influenzato il risultato finale, dal momento che era una operazione “consentita” a tutti i concorrenti in gara e non un qualcosa ad uso esclusivo di qualcuno.

Il punteggio del pubblico, andava poi sommato a quello del “Gran Jury”, composto da  20 persone estremamente qualificate. La grande esperienza  ciclistica di Andrea Noè, unita con la competenza di due giornalisti di prim’ordine come Ciro Scognamiglio de “La Gazzetta dello Sport” e Nando Aruffo del “Corriere”, l’internazionalità di Daniel Freibe di “Pro Cycling e Cyclingnews”, a due conoscitori del ciclismo di base e giovanile, quali Andrea Fin in rappresentanza di Ciclismoweb e Stefano Masi di Italiaciclismo. Oltre all’imprenditore Fausto Ferrario, che è anche membro della Commissione Tecnica CCP, hanno votato alcuni tra i più importanti organizzatori d’Italia quali Adriano Amici del Gs Emilia, Renzo Oldani della Binda, Adriano Zanzi della Carnaghese e rappresentanti di SC Mobili Lissone e della corsa regina per dilettanti, il Giro della Valle d’Aosta. Hanno espresso il loro parere anche un Direttore Sportivo, conoscitore del ciclismo a 360° quale Leo Levati, il famoso procuratore Alex Carera, e Fabio Perego, che è anche organizzatore e tecnico regionale della Lombardia, senza dimenticare Angelo Gaudenzi, Stefano Bertolotti, Adriano Dini ed Emanuele Previtali, che frequentano le gare ciclistiche dal mese di febbraio a quello di ottobre.

Pensare che queste persone possano votare a comando o addirittura “vendere” il loro voto è qualcosa di veramente assurdo.

In Italia, per qualunque votazione, siano esse le elezioni politiche, amministrative, Miss Italia  o Festival di Sanremo, chi perde, spesso parla di brogli (mai provati). Non siamo quindi sorpresi da questo, anche se, forse, ci saremmo aspettati una maggior onestà intellettuale da parte di chi, sia dal pubblico sia dalla giuria, non ha ottenuto un buon risultato o, peggio ancora, da parte di chi, con il voto della giuria non è neppure riuscito ad arrivare in doppia cifra.

Il successo dei “Sondaggioni” non può essere disturbato da sterili polemiche di chi trova più comodo parlare di altro anziché interrogarsi sulla sua professionalità o sul suo modo di rapportarsi con le altre componenti del ciclismo.

I “Sondaggioni” sono un successo che di anno in anno riescono ad ottenere sempre più visite e nel mese di dicembre catalizzano l’attenzione degli appassionati e addetti ai lavori. Per questo, anche a seguito di alcune richieste di inserimento di nuove categorie, i “Sondaggioni” 2011 iniziano da subito. Non, ovviamente, con le votazioni, che incominceranno, come da tradizione, nel mese di Dicembre, ma ciascuno di voi potrà essere protagonista proponendo una categoria nuova, indicando però almeno 10 candidati, oppure facendo una nomination da inserire in una categoria già esistente. La proposta di categoria o di nomination non costituisce però garanzia di accettazione.

La lunga marcia verso i “Sondaggioni” 2011 è quindi iniziata, con buona pace degli eterni rosiconi.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow