Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

L’intervento del Consigliere Federale Carlo Buzzi è stata l’unica nota stonata ascoltata nel corso dell’interessante convegno “Sicurezza sui pedali”, svoltosi ieri a Valenza (AL) ed abilmente organizzato dal Comitato Provinciale di Alessandria in collaborazione con il Comitato Regionale piemontese.

Sollecitato ad intervenire nella sua qualità di Consigliere della FCI, ma soprattutto di referente della Commissione direttori di corsa, egli ha letteralmente detto:  «in futuro dovremo fare in modo che agli atleti sia consentito di gareggiare solo stando sulla loro destra e che ai direttori di corsa sia data facoltà, anche nelle gare a tappe, di estromettere dalla corsa gli atleti che accumulano un ritardo pari o superiore al tempo massimo stabilito».

Antonelli:”Buzzi è inadatto a rappresentare i Direttori di Corsa in Consiglio Federale”

L’intervento del Consigliere Federale Carlo Buzzi è stata l’unica nota stonata ascoltata nel corso dell’interessante convegno “Sicurezza sui pedali”, svoltosi ieri a Valenza (AL) ed abilmente organizzato dal Comitato Provinciale di Alessandria in collaborazione con il Comitato Regionale piemontese.

Sollecitato ad intervenire nella sua qualità di Consigliere della FCI, ma soprattutto di referente della Commissione direttori di corsa, egli ha letteralmente detto:  «in futuro dovremo fare in modo che agli atleti sia consentito di gareggiare solo stando sulla loro destra e che ai direttori di corsa sia data facoltà, anche nelle gare a tappe, di estromettere dalla corsa gli atleti che accumulano un ritardo pari o superiore al tempo massimo stabilito».

Due proposte che hanno dell’incredibile.  Gareggiare sulla propria destra comporterebbe infatti che il traffico in senso contrario non dovrebbe più essere necessariamente bloccato. Altrimenti perché stare a destra? Così come,   estromettere gli attardati durante le corse a tappe comporterebbe il rischio (certo) di svolgere le ultime tappe con meno di 40 corridori. E quindi addio agli sponsor e agli organizzatori.

Ora, con un tale Consigliere Federale, nonché referente della Commissione direttori di corsa, i casi sono due: o il Consiglio Federale non saprà mai cosa pensano realmente i direttori di corsa e gli organizzatori, oppure, i direttori di corsa e gli organizzatori non avranno mai la possibilità di far giungere le loro idee fino al Consiglio Federale. Davvero un bel pasticcio per chi volesse realmente partecipare a quel “gioco di squadra” tanto decantato dai nostri vertici federali.

Silvano Antonelli
Portavoce CO.di.CO (Comitato direttori di corsa e di organizzazione)

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow