Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Domenica sarà in programma a Cittiglio il Campionato Italiano dei Giornalisti, organizzato da Mario Minervino e dalla Cycling Sport Promotion. Riguardo a questa corsa ci sono giunte alcune segnalazioni,  secondo le quali questa gara non sarebbe approvata dalla Federazione Ciclistica Italiana.

Essendo un caso particolare, dal momento che Mario Minervino opera all’interno della Federazione, per l’esattezza nella Struttura Tecnica, abbiamo voluto verificare con particolare attenzione e, in effetti, questa gara non compare tra quelle approvate dalla FCI.

Abbiamo allora deciso di sentire direttamente Mario Minervino, anima della Cycling Sport Promotion e componente della Struttura Tecnica Federale, per capire come stanno le cose:”E’ vero, la gara di Domenica non è approvata dalla Federazione, ma solo perché non è rientra in nessuna casistica regolamentare. Non è, infatti, una pedalata ecologica, perché sono previste classifiche, e non è neppure un campionato sociale, perché non tutti i partecipanti appartengono alla stessa società”. 

Minervino:”la gara non è approvata, ma la sicurezza non mancherà”

Domenica sarà in programma a Cittiglio il Campionato Italiano dei Giornalisti, organizzato da Mario Minervino e dalla Cycling Sport Promotion. Riguardo a questa corsa ci sono giunte alcune segnalazioni,  secondo le quali questa gara non sarebbe approvata dalla Federazione Ciclistica Italiana.

Essendo un caso particolare, dal momento che Mario Minervino opera all’interno della Federazione, per l’esattezza nella Struttura Tecnica, abbiamo voluto verificare con particolare attenzione e, in effetti, questa gara non compare tra quelle approvate dalla FCI.

Abbiamo allora deciso di sentire direttamente Mario Minervino, anima della Cycling Sport Promotion e componente della Struttura Tecnica Federale, per capire come stanno le cose:”E’ vero, la gara di Domenica non è approvata dalla Federazione, ma solo perché non è rientra in nessuna casistica regolamentare. Non è, infatti, una pedalata ecologica, perché sono previste classifiche, e non è neppure un campionato sociale, perché non tutti i partecipanti appartengono alla stessa società”.  Minervino però ci tiene a ribadire la serietà della gara:”Anche se non è approvata, per i motivi che ho detto prima, avremo due ambulanze, nove moto staffette e addirittura il cambio ruote Shimano – prosegue il presidente della Cycling – tutti gli enti interessati dalla gara ci hanno concesso autorizzazione al passaggio e gli incroci saranno presidiati come in una gara ufficiale”. Il dirigente varesino ha poi concluso rassicurando tutti i partecipanti:”noi ,come Cycling Sport Promotion, abbiamo stipulato un’assicurazione che coprirà l’intera corsa”.

Sicuramente, conoscendo Mario Minervino, la corsa di Cittiglio sarà sicura e di buon livello, tuttavia il problema è più ampio. Il regolamento amatoriale prevede la possibilità di disputare Campionati Italiani “arti e mestieri”, che può chiaramente racchiudere la professione di giornalista e realizzare così una gara amatoriale in piena regola. I partecipanti, in questo caso, avrebbero dovuto però sottoscrivere una tessera federale giornaliera, che richiede un certificato medico rilasciato da un appartenente alla FIMS e il pagamento della tassa di 5 €.  Insomma, una burocrazia eccessiva rispetto allo spirito della giornata.

Dal momento che Di Rocco sarà presente a questa gara, dove premierà i vincitori, ci  chiediamo se non sia il caso che si metta mano alle norme, andando ad individuare la giusta formula, per evitare il proliferarsi di gare abusive corse, magari, senza tutte le caratteristiche di sicurezza-efficienza messe in atto da Minervino.

Ci lanciamo, anche qui, in una previsione: Renato Di Rocco premierà felice, infischiandosene che la gara sia o meno approvata dalla Federazione e, una volta rientrato a Roma, si dimenticherà tutto, compreso la necessità di mettere mano alle norme, così, di anno in anno, avremo sempre lo stesso problema che diventerà una tradizione, come quella che tanti nel ciclismo adorano.

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow