Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Oggi, Elena Morali è per tutti un volto televisivo di Italia Uno, una protagonista del comedy show "La Pupa e il Secchione" e "Coloradina" nel programma di Italia Uno "Colorado", condotto da Nicola Savino e Rossella Brescia. Per noi, Elena Morali, è soprattutto un'amica, una ragazza di vent'anni, frizzante, ambiziosa, senza peli sulla lingua, che non ha timore di dire ciò che pensa, in perfetta sintonia quindi con lo stile di ciclismo-online. Elena Morali, nel 2008, è diventata "Miss Ciclismo" stravincendo la finale, premiata dalla giuria presieduta dal due volte Campione del Mondo Gianni Bugno. Dopo aver conquistato questo tiolo, ha fatto da Miss all'edizione 2009 del Trofeo Binda valido per la Coppa del Mondo Femminile, alla Tre Valli Varesine, alla Coppa Agostoni e in questa stagione, al Gran Premio di Lugano. Criticata dalle miss che fanno del ciclismo la loro ragione di vita, Elena ha saputo farsi strada nel mondo che conta, riuscendo ben presto a fare il salto dal ciclismo, al grande pubblico televisivo. Dopo molte riviste patinate, anche noi abbiamo voluto intervistare la bella Elena che, come al solito, non è stata banale.

Elena Morali:”Miss Ciclismo sarà sempre nel mio cuore”

Oggi, Elena Morali è per tutti un volto televisivo di Italia Uno, una protagonista del comedy show “La Pupa e il Secchione” e “Coloradina” nel programma di Italia Uno “Colorado”, condotto da Nicola Savino e Rossella Brescia. Per noi, Elena Morali, è soprattutto un’amica, una ragazza di vent’anni, frizzante, ambiziosa, senza peli sulla lingua, che non ha timore di dire ciò che pensa, in perfetta sintonia quindi con lo stile di ciclismo-online. Elena Morali, nel 2008, è diventata “Miss Ciclismo” stravincendo la finale, premiata dalla giuria presieduta dal due volte Campione del Mondo Gianni Bugno. Dopo aver conquistato questo tiolo, ha fatto da Miss all’edizione 2009 del Trofeo Binda valido per la Coppa del Mondo Femminile, alla Tre Valli Varesine, alla Coppa Agostoni e in questa stagione, al Gran Premio di Lugano. Criticata dalle miss che fanno del ciclismo la loro ragione di vita, Elena ha saputo farsi strada nel mondo che conta, riuscendo ben presto a fare il salto dal ciclismo, al grande pubblico televisivo. Dopo molte riviste patinate, anche noi abbiamo voluto intervistare la bella Elena che, come al solito, non è stata banale.

Elena, come sei arrivata a “La Pupa e il Secchione” ?
Sono arrivata attraverso un casting, grazie all’agenzia Casadei. In quel periodo ne facevo tanti e così ho deciso di provare anche con questo, ho fatto il primo provino a Milano, poi, dopo due settimane, mi hanno chiamata a Roma per un altro casting alla presenza di tutta la produzione Endemol.

Quando hai saputo che eri stata scelta ?
L’ho saputo tre settimane dopo il casting di Roma, mi hanno chiamata e mi hanno detto che mi avevano presa per il programma, io però in quel periodo avevo fatto richiesta di andare a “Ciao Darwin” come pubblico, quando ho capito che non si riferivano a “Ciao Darwin”, ma che sarei stata una delle protagoniste de “La Pupa e il secchione” sono stata felicissima e ho saltato 10 minuti per tutta casa.

Com’è stata l’esperienza all’interno del programma ?
Molto bella, da casa non si capisce esattamente com’è, diciamo che bisogna essere autoironiche, sapere un po’ recitare, fare ridere e ovviamente adattarsi al proprio personaggio.

Che rapporto hai con le altre “pupe” e con i “secchioni” ?
Vado d’accordo con quasi tutte le ragazze, in particolare con Ludovica Leoni, infatti, quando dormo a Milano mi fermo a dormire da lei, usciamo insieme, insomma siamo proprio amiche. L’unica che non ho mai sopportato è Pasqulina perché ritengo sia una vera opportunista. Tra i secchioni, voglio molto bene a Garagozzo, Tassinari e al mio “secchione” Flavio De Giovanni che per me è come un fratello, sono certa però che con nessuno il rapporto potrà mai andare oltre.

Cosa rispondi a chi dice che hai partecipato ad un programma per ignoranti ?
Chi critica non sa come stanno veramente le cose,  in quanto ha visto solamente il prodotto finito. Tutte le “Pupe” sono ragazze molto intelligenti che hanno saputo mettersi in gioco, essere “pupa” è un modo di essere, anche nell’aspetto fisico,  io mi sento “pupa” anche se so benissimo chi è Bin Laden o altri personaggi che hanno proposto nello “zucca quiz”.

Come hanno preso la tua partecipazione a questo programma i tuoi genitori ?
Mio padre Cesare non l’ha presa bene, lui ama studiare e scrivere, proprio recentemente ha presentato un suo libro “In guerra con i lupi della Toscana”, basato sui racconti di mio nonno Enrico che ha partecipato alla prima e alla seconda guerra mondiale. Ora, ha però capito che questo mondo mi piace e mi sta dando delle soddisfazioni, quindi è contento anche lui.

Com’è cambiata la tua vita da febbraio quando, ad esempio, sei stata Miss al Gran Premio di Lugano ?
E’ cambiata completamente, anche se  facevo già sfilate, fotografie e casting, ora sono molto più conosciuta e lavoro nel mondo della televisione, come ho sempre sognato. Non mi sento arrivata, anzi, devo guardare avanti, migliorarmi e cercare sempre di crescere.

Quanti autografi hai firmato fino ad ora ?
Complessivamente non li ho contatati, posso dire che in una sola serata in discoteca sono arrivata a 600 fotografie e autografi.

Com’è la tua giornata tipo ?
Al mattino, quando mi alzo, prendo la macchina e vado a Cologno Monzese, facciamo le prove fino alle 18, alle 18.30 inizia il trucco e parrucco, alle 21.30 iniziamo a registrare “Colorado” e finiamo intorno alla 1. Praticamente non ho tempo per altro, non riesco neppure a fare le commissioni  o andare dall’estetista.

Quanti giorni della settimana ti occupa “Colorado” ?
Praticamente tutti, tra prove e registrazioni sono libera solo nel week end.  Registriamo due puntate identiche, una senza pubblico e l’altra con il pubblico dopo di che il montaggio assembla un’unica puntata, dandogli un taglio televisivo.

… e nei  week end ?
Nei week end sono spesso in giro per le discoteche, impegnata con il lancio del mio calendario.

Che rapporti hai con gli altri personaggi del mondo dello spettacolo ?
Con i comici di “Colorado” il rapporto è stupendo, così come con Michael Berti del Grande Fratello, gli altri li vedo nei corridori e nulla più. Mi è molto piaciuto Piero Chiambretti che, quando sono stata ospite da lui, è stato molto gentile e carino oltre che un vero professionista.

Come va l’amore ?
Con Renzo (Bossi, figlio di Umberto leader della “Lega Nord” ndr) va tutto bene, lui capisce le esigenze del mio lavoro e io capisco quelle del suo, quindi andiamo d’accordo, io sono contenta  di averlo vicino e penso lo sia anche lui.

Che progetti hai per il dopo “Colorado” ?
Terminato “Colorado” farò dei casting mirati, mi piacerebbe recitare in qualche fiction o presentare un programma mio, vedremo cosa mi riserverà il futuro.

Tu sei arrivata in televisione come “Miss Ciclismo”, come ricordi questa esperienza ?
Quella serata me la ricorderò per sempre, è stato il primo concorso che ho vinto a cui devo un po’ del mio attuale successo. “Miss Ciclismo” è un concorso pulito come ce ne sono pochi, organizzato molto bene e che tratta le ragazze come persone e non come oggetti o numeri.

Vincere “Miss Ciclismo” ti ha portata al Giro d’Italia …
Il Giro d’Italia è stata in assoluto l’esperienza più bella della mia vita, un mese in giro vedendo posti stupendi e facendo sorridere tanta gente. Ricordo con tanto piacere quell’esperienza che mi ha riavvicinata al ciclismo che praticavo da ragazzina. Oggi quando, facendo zapping, vedo una corsa televisiva mi fermo e la guardo.

“Miss Ciclismo” quest’anno è cresciuto molto, anche grazie a te, abbiamo fatto alcune selezioni e per il 2011 oltre ad alcune richieste per altre selezioni, abbiamo già una quindicina di iscritte, secondo te è destinato a crescere ancora ?
Sicuramente, il mio sogno è che Miss Ciclismo arrivi sempre più  in alto, perché è un concorso a cui sono molto legata, tutti voi lavorate molto bene e ve lo meritate.

Sarai la nostra “madrina” alla finalissima ?
Sicuramente, sarò presente alla finale, e con la mente tornerò a quel 12 dicembre 2008 quando Alessandro Brambilla ha annunciato il mio nome e sono diventata “Miss Ciclismo”.

 

 


Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow