Notice: Undefined index: tie_sidebar_pos in /web/htdocs/www.ciclismo-online.it/home/wp-content/themes/jarida/includes/post-head.php on line 5

Si lotterà fino all’ultimo metro. Il verdetto della Collombardo Superbike ha confermato quelle che erano le supposizioni della vigilia e, cioè, che bisognerà attendere La Prevostura di domenica 3 ottobre per conoscere il vincitore e la vincitrice della prima edizione della Piemonte Mtbike. Nella nona e penultima prova della challenge subalpina off road, infatti, si è assistito a due agganci alla testa della classifica ad opera dei due inseguitori. Daniele Pollone, 2° alle spalle del costaricano Pablo Montoya, è riuscito a superare per appena 4 punti Alberto Riva che comandava la challenge da quasi tre mesi. Seppur divisi dalla classifica effettiva i due sono praticamente appaiati secondo la regola dei tre scarti. Nelle ultime tre gare Pollone è giunto 3°, 6° e 2° laddove Riva si è piazzato 4°, 10° e 6°. L’atleta del Giai Team ha così rosicchiato prova dopo prova il vantaggio dell’alessandrino della Bike O’Clock che si trova ora a dover interpretare lo scomodo ruolo dell’inseguitore.

Collombardo conferma una Piemonte MTBike all’ultimo respiro

Si lotterà fino all’ultimo metro. Il verdetto della Collombardo Superbike ha confermato quelle che erano le supposizioni della vigilia e, cioè, che bisognerà attendere La Prevostura di domenica 3 ottobre per conoscere il vincitore e la vincitrice della prima edizione della Piemonte Mtbike. Nella nona e penultima prova della challenge subalpina off road, infatti, si è assistito a due agganci alla testa della classifica ad opera dei due inseguitori. Daniele Pollone, 2° alle spalle del costaricano Pablo Montoya, è riuscito a superare per appena 4 punti Alberto Riva che comandava la challenge da quasi tre mesi. Seppur divisi dalla classifica effettiva i due sono praticamente appaiati secondo la regola dei tre scarti. Nelle ultime tre gare Pollone è giunto 3°, 6° e 2° laddove Riva si è piazzato 4°, 10° e 6°. L’atleta del Giai Team ha così rosicchiato prova dopo prova il vantaggio dell’alessandrino della Bike O’Clock che si trova ora a dover interpretare lo scomodo ruolo dell’inseguitore.

Ancora più incerta sembra essere la disputa del successo in campo femminile con Maria Elena Mastrolia che è tornata in vetta raggiungendo Nicoletta Meli che le aveva sottratto lo scettro del primato due settimane fa a Clavière. Entrambe ferme a 8370 punti dovranno correre “a uomo” nella prova finale di Lessona. Nelle altre categorie i leader sono Riccardo Selvo, Stefano Lojacono, Silvio Massimino, Massimo Biola, Massimo Franzosi, Massimo Rizzi, Roberto Davò e Domenico Lotito.

Quanto alla gara di quest’oggi, va detto che il verdetto espresso dai sentieri della Bassa Valsusa ha premiato l’atleta più completo, quello capace di fare la differenza in salita senza perdere troppo in discesa. Pablo Montoya se n’è andato nei primi chilometri in compagnia di Pollone, Pallhuber, Rosa e Schweiggl. Poi, quando questi ultimi due hanno ceduto, ha proseguito con due corridori motivatissimi: l’altoatesino desideroso di centrare il primo successo stagionale in terra piemontese, il valsusino concentrato sulla classifica della Piemonte Mtbike. A due chilometri dalla conclusione della salita Montoya ha attaccato restando solo. Una discesa prudente ha permesso a Pallhuber di tornare sotto ma nel finale di gara una pietra sollevata dalla ruota di Montoya ha fatto cadere il biker della Silmax Cannondale, consentendo a Pollone e a Schweiggl di piazzarsi sui gradini più bassi del podio. Pallhuber è riuscito a portare a termine la gara al 4° posto, nonostante una brutta botta al quadricipite sinistro che lo ha costretto a recarsi in ospedale per accertamenti.

Pablo Montoya aveva già vinto la Serra Bike dello scorso maggio e ha portato a cinque le vittorie degli ibero-americani nelle prime nove prove della Piemonte Mtbike. L’appuntamento con il gran finale del circuito e con la consegna delle maglie della challenge voluta dalla Regione Piemonte e dalla Federciclismo Piemonte è per domenica 3 ottobre. La partita è ancora tutta da giocare: le emozioni non sono finite.

Le dichiarazioni dei protagonisti

Pablo Montoya (vincitore Collombardo Superbike): «Oggi stavo molto bene e, dopo i due secondi posti di Clavière e di Coazze, questo successo è per me una grande soddisfazione. Il percorso è bello, c’è tanta salita dura e la discesa è molto tecnica ma con alcuni strappi che ti impongono di rilanciare il ritmo. È una gara molto dura da gestire. Nella prima fase ce ne siamo andati in cinque: io, Pollone, Pallhuber, Rosa e Schweiggl. A metà salita sono rimasto con Pollone e Pallhuber e quando mancavano un paio di chilometri allo scollinamento sono scattato rimanendo da solo. In discesa Pallhuber mi ha ripreso ma negli ultimi chilometri è caduto e io sono rimasto solo».

Daniele Pollone (2° classificato e nuovo leader Piemonte Mtbike): «Oggi la mia gara era finalizzata ad avvicinare la leadership della Piemonte Mtbike. Conosco questo percorso a memoria e il secondo posto alle spalle di Montoya è un grande risultato. Ora mi giocherò la vittoria nella Piemonte Mtbike alla Prevostura. Ho un rimpianto: avere buttato via punti preziosi nelle gare di giugno… Fra luglio e settembre ho recuperato parecchi punti e fra due settimane spero di farcela… Ho già un 2° e un 3° posto nella Coppa Piemonte mtb, non vorrei continuare a piazzarmi anche nella Piemonte Mtbike…».

Johannes Schweiggl (3° classificato): «Ho capito sin dai primi chilometri di non poter seguire il passo dei migliori in salita quindi ho pedalato in compagnia di Rosa che a un certo punto è saltato. La discesa è il mio terreno e mi ha consentito di recuperare parecchie posizioni. Proprio nel finale di gara sono tornato sul mio sfortunato compagno Pallhuber e l’ho superato giungendo 3°».

Alberto Riva (2° classifica Piemonte Mtbike): «La gamba non è più quella dei mesi più caldi ma mi sono difeso bene. Oggi Pollone è andato fortissimo e io ho cercato di limitare i danni pedalando con Bianco, Ciocca e Blanc fino a quando non mi sono venuti i crampi. Alla Prevostura sarà una partita fra me e  Pollone. Se si considerano gli scarti siamo a pari merito quindi nessuno dei due potrà fare calcoli: bisognerà, molto semplicemente, andare più forte dell’altro».

Alessia Ghezzo (vincitrice Collombardo Superbike): «Dopo il campionato italiano marathon ho accusato un vero e proprio calo di condizione, quindi, per me, questo successo è quasi una sorpresa. Tanta salita e una discesa davvero tecnica, questa è una gara vera che ti impegna dalla partenza al traguardo».

Sara Brancati (organizzatrice): «A detta di tutti la nostra gara è una delle poche a proporre un percorso nel solco della grande tradizione della mountain bike, vale a dire con tanta salita e una discesa tecnica. Dopo il debutto dello scorso anno abbiamo voluto alleggerire proprio quest’ultima parte per agevolare il già difficoltoso finale di gara. Dobbiamo ringraziare tutti gli sponsor che ci hanno permesso di allineare al via ben 600 partecipanti, 100 in più dello scorso anno. Il meteo ci ha graziati, ieri abbiamo avuto 60 bambini alla baby cup e sul podio sono finti tre atleti di grande spessore. Pollone ha colto un meritatissimo 2° posto e anche Ciocca, 7°, si è confermato fra i migliori nel panorama regionale. Non potevamo davvero chiedere di più».

Le classifiche

Maschile

1. Pablo Montoya Cantillo (Crc, Gt Brondello) in 2h09’53” alla media di 20,786 km/h
2. Daniele Pollone (Ita, Giai Team) a 1’34”
3. Johannes Schweiggl (Ita, Silmax Cannondale) a 2’58”
4. Johann Pallhuber a 3’54”
5. Filippo Blanc a 7’44”
6. Alberto Riva 8’37”
7. Davide Ciocca a 10’35”
8. Renato Reinaudo a 11’42”
9. Fabio Montanari a 12’21”
10. Mattia Luboz a 12’24”

Femminile

1. Alessia Ghezzo (Ita, Focus) in 2h51’49”
2. Marta Pastore a 12’02”
3. Cindy Casadei a 12’24”

I leader della Piemonte Mtbike

Assoluta e Open – Daniele Pollone
Donne
– Maria Elena Mastrolia (ex aequo con Nicoletta Meli)
Elite Sportsman
– Riccardo Selvo
Junior
– Stefano Lojacono
Master 1
– Silvio Massimino
Master 2
– Massimo Biola
Master 3
– Massimo Franzosi
Master 4
–  Massimo Rizzi
Master 5
– Roberto Davò
Master 6+
– Domenico Lotito

Powered by Dragonballsuper Youtube Download animeshow